Venerdì, 6 Agosto 2021
Politica Viale Trento e Trieste

Piero Ferrari cede il Garage al Comune di Modena. Si lavora per un parcheggio pubblico

Decisione di Piero Ferrari in un protocollo sottoscritto con il sindaco. Con l’ok del Consiglio il garage potrà diventare un parcheggio pubblico a servizio del centro

Importante novità in arrivo per il Garage Ferrari di viale Trento Trieste a Modena, sul quale grava un complesso procedimento giudiziario di durata trentennale che ha portato a diverse sentenze del Consiglio di Stato a seguito dell'accertamento di un abuso edilizio. Secondo l'ultimo verdetto, in assenza di soluzioni alternative, l'edificio sovrebbe essere demolito entro l'inizio del 2019. L'alternativa si è però profilata all'orizzonte. L'Amministrazione ha infatti reso nota oggi la decisione dell’ingegner Piero Ferrari di favorire fattivamente l’acquisizione gratuita dell’intero immobile al patrimonio del Comune, confermando così il desiderio di Enzo Ferrari che aveva risposto alla sollecitazione dell’allora amministrazione comunale per realizzare un’opera al servizio della città.

L’accordo è stato formalizzato con un protocollo d'intesa approvato mercoledì 1 agosto dalla giunta e sottoscritto dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli che ha ringraziato il figlio del Drake e la famiglia Ferrari. Il sindaco, inoltre, si è impegnato a portare nei prossimi mesi in Consiglio comunale la proposta di destinare l'edificio a garage pubblico nell'ambito delle iniziative previste con il Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) in corso di definizione.

“La realizzazione di un parcheggio multipiano a servizio del centro storico e delle sue adiacenze era l'intenzione originale di mio padre - ricorda Piero Ferrari - al quale venne chiesto nel 1986, dall'allora assessore all'Urbanistica Pier Camillo Beccaria e dal sindaco Mario Del Monte, di riconvertire a parcheggio la sede delle ex Officine Ferrari. Poi lui non vide il completamento dell'opera, che inaugurammo il 7 giugno del 1989, ma sulla scorta di quello spirito originario già nel dicembre del 2015 manifestai al sindaco con una lettera la volontà di donare l'intero immobile alla città”.

Ora quelle intenzioni sono state formalizzate nei fatti, convergendo sull’acquisizione dell’immobile da parte del Comune sulla base di ciò che prevedono le norme, e il sindaco Muzzarelli nel protocollo dà atto “dell'attenzione per la Città di Modena che sempre ha animato la famiglia Ferrari”.

Accogliendo i ricorsi di alcuni confinanti, il Tribunale amministrativo regionale ha annullato per due volte nel corso degli anni la concessione edilizia rilasciata per l’infrastruttura. La prima volta è successo nel 1990, mentre l’ultima sentenza è passata in giudicato nel 2013. Nel gennaio del 2016 il Tar nomina un commissario ad acta per la demolizione del fabbricato, ma il Consiglio di Stato accoglie il ricorso di Comune e proprietari (la società B. A. service) e nel gennaio di quest’anno, pur confermando l’annullamento del titolo edilizio, esclude che l’opera debba essere obbligatoriamente demolita e assegna al Comune un anno di tempo per valutare, nell’ambito della sua autonomia amministrativa, la possibilità di iniziative alternative.

La proprietà, a questo punto, avrebbe potuto presentare un progetto edilizio in sanatoria. Prescindendo da tale facoltà, però, l’ingegner Ferrari, con l’obiettivo di riconfermare la disponibilità iniziale ad assecondare la richiesta di munire la città di un ampio parcheggio a servizio del centro storico, ha ritenuto di non presentare alcun progetto favorendo in questo modo l’acquisizione dell’immobile al patrimonio comunale. Il protocollo sottoscritto esplicita questa intenzione e precisa, inoltre, l’impegno a rinunciare al ricorso a suo tempo presentato al Tar di Bologna, con l’obiettivo di eliminare così ogni eventuale ulteriore ostacolo alla conclusione della vicenda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piero Ferrari cede il Garage al Comune di Modena. Si lavora per un parcheggio pubblico

ModenaToday è in caricamento