rotate-mobile
Politica

Forza Italia, cartellino giallo per Agorà Popolare: “Serve chiarezza”

Dopo la nascita dell'associazione di Pellacani e Ciaccia, il segretario modenese di FI Piergiulio Giacobazzi cerca di fare chiarezza: “Ben venga il dibattito, ma non appoggiamo nuove organizzazioni. Berlusconi resta il punto di riferimento”

Giuseppe Pellacani, neo acquisto di Forza Italia dopo un passato nell'UdC e la corsa come candidato sindaco, non lascia dormire sogni tranquilli al suo nuovo partito di riferimento. La nascità dell'associazione Agorà Popolare ha infatti creato qualche imbarazzo tra gli azzurri modenesi, già alle prese con una difficoltà di fondo sia in termini di consenso sia in termini di azione politica. Il Coordinatore Provinciale Piegiulio Giacobazzi ha dunque deciso di mettere in chiaro la posizione del partito sul nuovo “laboratorio” politico nato in città.

"Il partito è aperto a sostenere ogni forma di associazionismo che abbia come obiettivo il dibattito e la diffusione dei temi da sempre cari a Forza Italia, ma non appoggia nessun passaggio in nuove organizzazioni che, come abbiamo visto, porta solo alla dispersione dei voti, delle idee e, da ultimo, alla sconfitta elettorale – scrive Giacobazzi – Chi ha ricevuto il mandato dai cittadini con Forza Italia deve continuare a portare avanti quella bandiera."

Sulla leadership, come sempre, lo zoccolo duro di Forza Italia non ha dubbi: "Berlusconi continua ad essere un punto di riferimento e di unione imprescindibile per tutti coloro che auspicano un’alternativa concreta alle illusioni renziane – specifica il coordinatore modenese – Gli italiani che hanno a cuore il futuro del centrodestra sanno che il leader di Forza Italia è per capacità, carisma, esperienza e mezzi l'unico in grado di mettere d'accordo tutte le anime: da quella cattolica a quella liberale, passando attraverso quella conservatrice, per l'affermazione di un progetto di valori, economico e sociale autenticamente controrivoluzionario".

Giacobazzi spiega poi l'impegnativa campagna di rilancio sul territorio che il suo partito sta attuando, ma fa chiarezza: “Bisogna evitare che anche la nascita di nuove organizzazioni politiche locali nate da una costola di FI come Agorà possano ingenerare - anche solo involontariamente - dubbi e perplessità nell'elettorato; lieti dunque di poter avere punti di ascolto come quello di Agora, ma nella chiarezza.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forza Italia, cartellino giallo per Agorà Popolare: “Serve chiarezza”

ModenaToday è in caricamento