rotate-mobile
Politica San Faustino / Via Giuseppe Zarlati, 100

"Stabili abbandonati di proprietà delle banche, il Comune che fa?"

Il Guernica lancia la sfida all'amministrazione: "La Giunta Pighi non ha fatto nulla per riqualificare gli stabili da noi occupati e poi sgomberati dalla Forza Pubblica"

Civico 100 di via Zarlati, citofonare "Guernica". Dal 28 ottobre scorso, questo ex deposito ospita le attività del centro sociale autonomo con concerti, serate ed eventi culturali con una partecipazione che, da quello che risulta, pare sempre più ampia. "Lo spazio è sempre attraversato da 400 persone, le attività che vengono qui svolte sono molteplici e ampiamente fruibili: noi non facciamo tessere Arci o Acli e non vendiamo birre da 33 cl a 5 euro - spiega Luca, portavoce del centro sociale - La cosa che ci lascia perplessi è che si continui a parlare di noi sempre e solo relativamente alla sicurezza pubblica e non per tutte le iniziative che portiamo avanti: lo stesso Questore di Modena ha riconosciuto la nostra valenza aggregativa".

RIQUALIFICAZIONE? - Lo stabile occupato, ex deposito delle Fonderie di proprietà di una banca marchigiana, è abbandonato dal 2008 ed è immerso in un villaggio artigiano dove periscono sotto i colpi della crisi le imprese attive e aumentano i metri quadri di terreni lasciati all'incuria: "Di fronte alla richiesta di sgombero avanzata dalla proprietà, noi rispondiamo con le nostre iniziative, con lo skate park e gli incontri sui movimenti Occupy e sulla primavera araba - ribadisce Luca - Ripeto, noi facciamo vivere questo spazio, il Comune a lungo ha detto che avrebbe riqualificato i gli stabili da noi precedentemente occupati e poi sgomberati: peccato che alle parole non siano seguiti i fatti. Infatti, l'amministrazione non ha riqualificato nulla e la situazione nelle zone dove siamo stati presenti è tornata esattamente allo stato stato precedente le nostre occupazioni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stabili abbandonati di proprietà delle banche, il Comune che fa?"

ModenaToday è in caricamento