rotate-mobile
Politica

Hera smentita, rifiuti romani nelle discariche di Zocca e Finale

L'assessore Arletti rivela che i rifiuti speciali di Malagrotta sono finiti nelle discariche di Zocca e Finale, contraddicendo Hera, che lo scorso ottobre aveva dichiarato: “Non si è verificato alcun conferimento presso impianti della provincia”

Questa volta Hera ha fatto una magra figura, che certo non la agevolerà in futuro nello schivare il fuoco incrociato degli ambientalisti modenesi. Le dichiarazioni della multiutility sono state smentite seccamente dall'Assessore all'ambiente del Comune di Modena Simona Arletti, rispondendo ad un'interrogazione della consigliera Poppi (modenasaluteambiente.it) nella seduta del Consiglio Comunale di ieri. Il tema è quello dei rifiuti arrivati a Modena nelle scorse settimane a seguito della chiusura della discarica romana di Malgrotta, i cui residui sono stati sparpagliati in giro per la penisola.

Proprio a seguito della denuncia di Sandra Poppi, che si chiedeva se parte di quei rifiuti sarebbero finiti inceneriti nell'impianto di via Cavazza, lo scorso 10 ottobre Herambiente si era premurata di rispondere immediatamente con una nota stampa. “Si conferma che non si è verificato alcun conferimento presso impianti della provincia di Modena”, si leggeva nel documento. Ma secondo quanto riportato ieri dall'assessore Arletti, così non è stato.

“I rifiuti sono arrivati in città e sono stati portati in discarica a Zocca e Feronia – ha illustrato l'assessore - Si tratta di rifiuti speciali che non hanno vincolo territoriale e che come tipologia erano compatibili anche con lo smaltimento nell'impianto di via Cavazza”. Così però non è stato, e i rifiuti speciali si sono accumulati, per oltre 300 tonnellate, nelle discariche dell'Appennino e della Bassa. Hera, cosa mi dici mai?

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hera smentita, rifiuti romani nelle discariche di Zocca e Finale

ModenaToday è in caricamento