rotate-mobile
Politica

Il Ministro Kyenge a New York per l'11/9, Pd: “Il nostro orgoglio”

La ministra modenese oggi è intervenuta all’Assemblea generale dell’Onu e alla “Table of silence” per commemorare l'11 settembre. Entusiasmo nel partito a Modena, Paolo Negro: “Responsabilità di proteggere la diversità”

“Per alcuni, per la verità davvero pochi, non sarebbe adeguata per rappresentare l’Italia, per le Nazioni Unite è, invece, assolutamente la degna rappresentante dell’Europa”, questo il commento entusiasta di Paolo Negro, segretario provinciale del Pd, che commenta il tour newyorkese del Ministro dell'Integrazione. Kashetu Kyenge – questo il nome congolese che lei stessa ritiene più opportuno usare quando la si menziona – ha infatti preso parte quest'oggi sia alle celebrazioni per la il dodicesimo anniversario dell'attentato alle Torri Gemelle, sia ad un meeting presso le Nazioni Unite.

“Anche l’Onu ha riconosciuto in lei, nel suo lavoro e nella sua storia personale, la vera novità di un Paese che sta cercando di raccogliere le difficili, ma ineludibili sfide della globalizzazione – prosegue Paolo Negro – Condividiamo, in toto, il significativo passaggio con cui il ministro Kyenge ha voluto chiudere il suo discorso: <La società civile, insieme alle donne e agli uomini delle istituzioni deve difendere il diritto alla differenza. Non solo il diritto a vivere in una società plurale, ma ad essere individui plurali. Dentro ogni uomo e ogni donna abitano più culture, più mondi, più desideri che talvolta sono in conflitto. Le società, come gli individui, hanno diritto ad essere complessi e differenti al loro interno. Quando si esclude una componente sociale, si sta escludendo una parte di noi: perché dentro ognuno di noi c’è uno straniero, una donna, un bambino, un anziano, un disabile>”. 

La Kyenge era stata invitata personalmente dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon che l’ha anche voluta incontrare, nel suo ufficio, al Palazzo di Vetro, dopo che si è conclusa la seduta dell’Assemblea generale dell’Onu, tenutasi nella sala del Trusteeship Council. Poco prima di recarsi all'Onu, il Ministro ha preso parte alle commemorazioni delle vittime dell’attentato terroristico alla “Table of silence” organizzata al Lincoln Center.

“Quella strage fu l’apice della divisione e dell’odio fra i popoli e le religioni, il lavoro di Cécile è tutto improntato all’incontro e alla condivisione, al superamento delle barriere nel nome di una integrazione necessaria e preziosa. In questa prestigiosa occasione, desidero ribadire, a nome mio e del partito modenese, che siamo davvero orgogliosi del lavoro e dei riconoscimenti – conclude il segretario democratico – anche a livello internazionale, che Cécile, giustamente, sta raccogliendo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Ministro Kyenge a New York per l'11/9, Pd: “Il nostro orgoglio”

ModenaToday è in caricamento