“Facciamo rinascere l’ex diurno", Lapam rilancia la riqualificazione

I bandi arriveranno a fine anno e le idee non sono ancora del tutto chiare, ma l'associazione di categoria sprona l'Amministrazione. Manicardi: "Una possibilità per migliorare l'attrattività della città"

“Per riqualificare l’ex albergo diurno occorre ‘aprirlo’ e riportarlo alla luce. La possibilità di fare un buon lavoro e di farlo diventare un punto di attrazione nel centro storico di Modena ci sono, occorre mettere in campo idee e reperire risorse per far sì che questa occasione non venga sprecata”. Silvia Manicardi, presidente Lapam Confartigianato della Zona di Modena, rimette sotto i riflettori l’ex albergo diurno sotto piazza Mazzini, che a fine 2015 è stato ‘riscoperto’ ma che attende ancora una riqualificazione.

“La struttura così come è stata congegnata prima della seconda guerra mondiale è inagibile perchè non ha la superficie areante e illuminante necessaria per essere utilizzata. Perché allora non ‘aprirlo’ e fare magari una bella cupola alla sommità per riportarlo in funzione? E’ evidente – sottolinea Manicardi – che occorre un intervento importante per far sì che possa essere nuovamente utilizzato, la soluzione, appunto, potrebbe essere quello di farlo dialogare con l’esterno attraverso un sistema aerante e che illumini anche con la luce naturale. Quali funzioni? Crediamo che sia auspicabile che il diurno, in un qualche modo, mantenga almeno una parte della funzione originaria: deposito bagagli e non solo, servizi alla persona, centro benessere. Questo per venire incontro alla vocazione turistica che Modena in questi anni sta riscoprendo”.

Nei mesi scorsi l'Amministrazione comunale di Modena ha indetto una sorta di concorso di idee, che ha portato a raccogliere diverse opinioni e a valutare tanti progetti. Ma una vera risposta ancora non c'è. Quello che ad oggi è dato sapere riguarda però i tempi: la Giunta ha promesso per l'autunno di quest'anno due bandi per la riqualificazione di Piazza Mazzini, sia per quanto riguarda la pavimentazione, sia per il verde e gli arredi urbani. Non è da escludere che l'ex diurno possa rientrare, almeno come prospettiva, in questi lavori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La conclusione della presidente Lapam della Zona di Modena riguarda le risorse: “Pensare a cosa fare dell’ex diurno è importante, ma occorre anche cercare aziende e sponsor che possano investire risorse per dare gambe a questo progetto. Come associazione imprenditoriale siamo disponibili a metterci al servizio di questo progetto, un progetto che necessita di tanti partners”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Covid, 15 casi a Modena. Oltre la metà da contagio famigliare

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Addio a Maria Lucia Matteo, stimata ginecologa di Carpi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento