Il nuovo Regolamento sulla sicurezza "trascura" i botti, protesta la LAV

LAV Modena prende posizione contro un aspetto del nuovo Regolamento di Polizia Urbana, oggi al vaglio del Consiglio Comunale. Il capitolo sui petardi viene modificato e attenuato

La proposta del nuovo Regolamento di Polizia Urbana che verrà discussa giovedì 11 gennaio in Consiglio Comunale dopo vari approfondimenti presta il fianco ad un ampio dibattito politico, nel quale si inseriscono anche gli animalisti della LAVdi Modena. L'associazione, infatti, sottolineare che sotto il profilo della prevenzione dei danni causati  dell'esplosione di botti e petardi il nuovo regolamento risulta "meno chiaro ed incisivo del precedente".

Il tema è dunque quello del divieto di esplodere fuochi artificiali o petardi nel territorio modenese: un aspetto che non è solo confinato alle celebri ordinanze di Capodanno, ma che Modena affrontava in maniera più ampia.

Nella precedente versione del Regolamento di Polizia Urbana all'articolo 8 tra gli atti vietati su suolo pubblico veniva elencata l'esplosione di petardi, attività che di conseguenza risultava vietata tutto l'anno nell'intero territorio comunale.

"Nel testo attualmente in discussione tale punto è stato omesso, mentre all'articolo 12 lo scoppio di petardi è espressamente vietato solo all'interno del perimetro del centro storico, invece al di fuori di esso lo è solo se viene dimostrato che l'esplosione stessa determina danno, disturbo o molestia a persone o animali, o nel caso di un non meglio precisato assembramento spontaneo e non", sottolinea la LAV.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non si vede per quale motivo questa amministrazione abbia fatto la scelta di indebolire il divieto in questione, posto che uno dei compiti principali degli amministratori è la prevenzione di danni a persone e animali, danni che come riportano le cronache nella fattispecie risultano tutt'altro che irrilevanti - aggiungono gli animalisti modenesi - Chiediamo pertanto il ripristino della precedente dicitura, accompagnato da efficaci misure di prevenzione e di controllo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 39 nuovi casi positivi in regione: 10 sono a Modena

  • Nuovo amore per Nicoletta Mantovani, la vedova Pavarotti sposa a settembre

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Coronavirus. Tampone obbligatorio per chi rientra da Spagna, Grecia, Croazia e Malta

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento