Nidi, Legacoop: "Garantire pluralità di gestione in particolare al mondo no profit"

Catia Toffanello, referente del settore sociale di Legacoop Estense, propone un tavolo di confronto sui servizi educativi con Pubblica Amministrazione e parti sociali

Catia Toffanello, referente del settore sociale di Legacoop Estense, interviene in merito alla ripartenza dei servizi educativi per l’infanzia, servizi in cui la cooperazione sociale ha, da sempre, un ruolo cruciale, e che è al  centro del dibattito non solo per la ripartenza della Fase 2, ma anche per le scelte politiche di esternalizzazione di due nidi comunali a Modena.

“Quello che chiediamo da tempo è il rispetto di un sistema di servizi integrato pubblico-privato a forte regia pubblica, che deve mantenere in capo la programmazione ma al contempo deve garantire una pluralità di gestione in particolare al mondo no profit. La cooperazione sociale in questi anni ha saputo dimostrare una grande capacità progettuale con ottimi risultati dal punto di vista qualitativo, come evidenziano le diverse indagini di qualità fatte all’interno dei servizi. Le cooperative hanno investito in termini di formazione e di risorse economiche: ad esempio, molti servizi sono nati grazie a project financing e hanno saputo incrementare la flessibilità di molte prestazioni, senza mai cedere sulla qualità”.

Toffanello ritiene che le cooperative sociali possano giocare un ruolo centrale nella ripartenza.  “Un’indagine  della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, elaborata a partire dai microdati delle forze lavoro dell’Istat, ci ha detto che 4,4 milioni di persone hanno ripreso la propria attività lavorativa dal 4 maggio, a fronte di 2,7 milioni che restano a casa. A tornare in azienda sono 3,3 milioni di uomini (il 74,8% del totale) e 1 milione e 100mila donne (il 25,2%), per le quali si prospettano tempi di ripresa più lunghi. La scuola ed i servizi educativi per la prima infanzia sono cruciali almeno quanto le attività produttive per la ripartenza del Paese, perché solo adeguati servizi di sostegno alle famiglie possono garantire ripresa economica. Senza contare che non si tratta solo di esigenze di conciliazione famiglia-lavoro, ma anche e soprattutto dei diritti costituzionali dei bambini e ragazzi a ricevere un’istruzione e ad avere accesso alle risorse per il pieno sviluppo delle proprie capacità. Esigenze e diritti che sono stati, forse inevitabilmente, compressi in queste settimane con conseguenze negative che hanno allargato le disuguaglianze sociali”.

Quello che chiediamo, a maggior ragione oggi – propone quindi Toffanello – è poter investire maggiori risorse in questi servizi, attraverso affidamenti e gare d’appalto che devono premiare la progettazione e non la parte economica, evitando il massimo ribasso. Questo ci permetterebbe di poter dare il giusto riconoscimento economico e normativo ai tanti educatori che in questi anni si sono spesi in formazione continua e universitaria per rispondere al meglio alle nuove esigenze dei bambini e delle bambine. Auspichiamo, quindi, l'apertura di un confronto serio e senza pregiudizio con la Pubblica Amministrazione e le parti sociali, per poter dare le risposte adeguate ai bisogni dei più piccoli e delle loro famiglie. In conclusione, vorremmo tracciare un orizzonte di lettura e di rielaborazione di una visione politica che ha saputo creare i modelli attuali basati sull'inclusione, aggiornandone la programmazione alle attuali e future sfide con le quali dobbiamo fare i conti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

Torna su
ModenaToday è in caricamento