menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche Legambiente boccia l’apertura della Ztl: "Provvedimento inutile e retrogrado”

L'associaizone: "Un’inversione a U rispetto ai contenuti del PUMS appena approvato, senza alcun effetto economico e con evidenti ricadute ambientali"

"Nel bel mezzo della seconda ondata della pandemia il Comune di Modena ha compiuto una scelta inaspettata e decisamente retrograda: l’apertura della ZTL del centro storico ai clienti degli esercizi che effettuano vendita di cibo da asporto. Un provvedimento che non incontra nemmeno il favore delle associazioni di categoria interessate, che infatti lo derubricano a mero contentino. Si tratta di una scelta in totale disallineamento rispetto alle previsioni del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile approvato lo scorso luglio: si passa infatti dalla previsione di un’estensione delle aree escluse al traffico a una deroga che consentirebbe a chiunque di entrare con il proprio veicolo in centro storico. Il tutto senza alcuna valutazione in merito alle ricadute in termini di incremento del traffico automobilistico e degli impatti conseguenti sulla qualità dell’aria, oltre che in contrasto con l’impegno assunto dall’Amministrazione per ridurre il traffico veicolare attraverso la realizzazione della Rete per la Mobilità d’Emergenza (RME)".

Legambiente Modena stronca così la proposta avanzata dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli per consentire l'accesso al centro storico, fra le 18 e le 22 ai cittadini diretti verso i ristoranti che forniscono servizio d'asporto. “È una vera e propria inversione a U rispetto ai contenuti del PUMS approvato pochi mesi fa” commenta Legambiente Modena. “Si passa dall’intenzione di ridurre i mezzi circolanti in centro storico ad un’apertura della ZTL che, più che ‘storica’, andrebbe definita antistorica.”

“Non ci sfugge che, se nel corso della prima ondata epidemica poteva essere ‘più accettabile’ l’adozione di provvedimenti emergenziali, questa seconda fase non può aver colto l’Amministrazione comunale impreparata: ci chiediamo allora se questo provvedimento sia stato accompagnato da una valutazione oggettiva degli effetti reali (positivi e negativi) che potrebbe produrre, e perché in ogni caso non sia stato condiviso nei mesi scorsi in sede di discussione degli strumenti di programmazione della mobilità cittadina (PUMS e RME).”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento