Regionali. La lista del M5S di Modena a sostegno di Simone Benini

Superata l'empasse che rischiava di togliere il Movimento dalla corsa elettorale e archiviata l'ipotesi di un'alleanza con il centrosinistra di Stefano Bonaccini, il M5S ha formalizzato le proprie candidature alle elezioni regionali del 26 dicembre 2020 con il candidato presidente Simone Benini e con liste in tutte le circoscrizioni provinciali.

A Modena la lista degli 8 candidati è composta dai volti più noti del Movimento in provincia, a partire dalla consigliera regionale uscente Giulia Gibertoni e dalla carpigiana Monica Medici, per altro in lizza con Benini per il ruolo di candidato presidente, poi andato al romagnolo dopo il voto su Rousseau. In lista anche Giuseppe Amici, Solange Pichler, Emilio Giordano, Alessandro Gibellini, Alice Altrovandi e Paolo Stevanin.  

Nei giorni scorsi Benini ha inconttrato Beppe Grillo e ha acvviato la propria campagna elettorale sui territori, trattando i primi temi del programma: al primo posto c'è l'abolizione della "pessima legge urbanistica regionale Donini, per vararne una nuova che fermi veramente il consumo di suolo". Benini vuole poi mettere "nel cestino il progetto autostrada Cispadana, per realizzare una strada a scorrimento veloce senza pedaggi", e rilanciare il trasporto pubblico su ferro e su gomma. Il candidato M5s pensa anche a un "piano regionale 'rifiuti zero' per programmare la chiusura di inceneritori e discariche", che preveda la "separazione raccolta-riciclo dallo smaltimento", lo stop alla plastica "inutile e usa e getta", la raccolta a domicilio con tariffa puntuale in tutti i Comuni e la costruzione d'impianti di riciclo, compostaggio selezione e trattamento meccanico biologico.

Il candidato M5s alla Regione Emilia-Romagna propone poi di "mettere a dimora 4,5 milioni di alberi", ovvero uno per ogni abitante dell'Emilia-Romagna, e di passare al 100% di fonti rinnovabili, dando l'addio al petrolio, entro 15 anni. E ancora, il 5 stelle rilancia gli incentivi per auto elettriche e la mobilita ciclabile in citta', insieme a un grande piano regionale per l'Emilia-Romagna "pulita", con investimenti decennali che accompagnino questa transizione verde. Benini parla infine di sostegno ad agricoltura sostenibile e prodotti tipici, di investimenti per il risparmio idrico in agricoltura, di un piano contro il dissesto e di una legge regionale per l'acqua pubblica. Si tratta, in buona sostanza, di dieci proposte per fare dell'Emilia-Romagna la "prima Regione 'green' d'Italia", afferma Benini.

(fonte DIRE)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

  • Addio a Maria Lucia Matteo, stimata ginecologa di Carpi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento