Sanità | Rischio di ricovero in ospedale? Lo scopre un logaritmo

Si chiama "RiskER" ed è stato sviluppato dall'Agenzia sanitaria e sociale dell'Emilia-Romagna con la Jefferson University di Philadelfia (Usa). Permette di calcolare il livello di fragilità nella salute di una persona. Sperimentato su 25 terrritori emiliano-romagnoli

Tutto inizia da un algoritmo, una procedura statistica che combina oltre 500 variabili demografiche e di salute, in grado di “predire” il rischio di ricovero in ospedale. A partire da qui la Regione Emilia-Romagna ha sviluppato un percorso di presa in carico delle persone più a rischio, che si sta svolgendo in 25 Case della salute - Castelfranco e Bomporto quelle selezionate in provincia di Modena - con il coinvolgimento di quasi 16.000 cittadini (15.583) e 221 medici di famiglia. Ma l’obiettivo è di diffonderlo in tutte le 87 Case della salute della regione.

Il progetto non è passato inosservato in Europa. La Commissione europea, infatti, ha voluto conoscere e approfondire questa “buona pratica”, che permette di intervenire in modo precoce per migliorare la qualità della vita e ridurre il rischio di ammalarsi e di essere ricoverati in ospedale. Così, l’innovativa sperimentazione è stata presentata dalla Regione a Bruxelles.

L’algoritmo si chiama “RiskER” ed è stato sviluppato dall’Agenzia sanitaria e sociale dell’Emilia-Romagna con la Jefferson University di Philadelfia (Usa): permette di calcolare il livello di fragilità nella salute di una persona, incrociando variabili demografiche (età, sesso, residenza per zona altimetrica), morbilità (ad esempio, presenza di una o più patologie croniche, altre condizioni cliniche), gravità delle condizioni cliniche, consumo di farmaci e appropriatezza nella terapia.

RiskER consente di stratificare una determinata popolazione adulta (ad esempio, residenti in regione, residenti nel territorio di riferimento della Casa della salute, numero di pazienti assistiti dai vari medici di famiglia) secondo quattro livelli di rischio. Nel 2015, dei 3.864.586 abitanti dai 14 anni in su residenti in Emilia-Romagna, l’83% presentava un rischio di ospedalizzazione per il 2016 basso, il 10% moderato, il 3,6% alto e il 3,3% molto alto.

Nelle 25 Case della Salute, l’algoritmo ha individuato 15.853 le persone con un livello di rischio alto (il 5,6% degli assistiti totali). Sono i medici di famiglia e gli infermieri a chiamare la persona e ad avviare gli interventi più appropriati sui corretti stile di vita, sulla consapevolezza e sulle competenze nell’uso dei farmaci, sull’assistenza domiciliare con la stretta collaborazione dei medici specialisti (ad esempio, diabetologo, psichiatra, cardiologo, pneumologo), degli assistenti sociali e la partecipazione delle associazioni di volontariato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto e l’algoritmo fanno parte del programma europeo “Sunfrail”, coordinato dalla Regione Emilia-Romagna attraverso l’Agenzia sanitaria e sociale regionale. L’obiettivo è identificare buone pratiche di assistenza delle persone anziane e sole e dei cittadini con più patologie. I risultati finali di “Sunfrail” saranno presentati in una conferenza generale che si svolgerà a Bologna il prossimo autunno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Scuole, contagi in altre 21 classi. Cinque finiscono in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento