Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

Il Ministro chiude la vicenda del Punto nascita di Pavullo: "Ci affidiamo alla scienza"

Durante il convegno sulla sanità modenenese al Baluardo della Cittadella il Ministro ha rimarcato la scelta già presa dalla Regione: "Sotto i 200 parti l'anno non c'è sicurezza, diventi un 'centro mammà"

"Se c'è la possibilità di riaprire il punto nascite di Pavullo? No, dal punto della vista della legge nessuna, e ricordo che si tratta di una norma fortemente voluta da un ministro di Forza Italia all'insegna di un accordo tra scienza, medicina e politica". Lo segnala il ministro della Salute Beatrice Lorezin, ieri sera a Modena a un incontro con la conferenza socio-sanitaria territoriale per un convegno a 360 gradi sulla sanità. Dunque, il tema della chiusura di Pavullo nell'ambito della razionalizzazione dei punti nascite non essenziali approda a margine dei lavori al Baluardo della cittadella. 

Del resto, anche il capogruppo Forza Italia in Regione Andrea Galli, presente a sua volta stasera, continua tra gli altri a sostenere che il servizio in questione dovrebbe essere ripristinato e che comunque il centrodestra non molla il tema, in vista delle prossime elezioni regionali. Ragiona Lorenzin interpellata a margine, prima di parlarne direttamente in sala, prima del convegno, con lo stesso Galli: "Vengo dal festival della scienza di Bologna, dove mi sono confrontata con alcune delle maggiori autorità scientifiche nazionali proprio sul tema dell'alleanza tra scienza e politica.

Quando un politico assume decisioni su temi scientifici deve riuscire a valutare i dati, a essere obiettivo e a offrire un miglior servizio ai cittadini. Un punto nascite che sta ampiamente sotto i 500 parti all'anno, e in questo caso sotto i 200, è un punto nascite che viene chiuso- spiega il ministro- non per motivi economici o di razionalizzazione, ma per motivi di sicurezza. La sicurezza della mamma e del bambino. Oggigiorno bisogna poter garantire il rischio zero o quasi, questo è l'obiettivo".

Piuttosto, "io chiederei che il punto nascite si trasformi in un punto mamma, ossia in un luogo in cui la gravidanza viene seguita nella fase pre parto e in quella post parto, coinvolgendo l'ostetrica del territorio". Rimarca il concetto Lorenzin, citando altri esempi per sostenere la bontà della scelta su Pavullo e su altri presidi regionali: "È un lavoro di cultura scientifica, che serve sempre di più alla classe politica. Mentre venivo qui- fa notare il ministro- ho letto dichiarazioni di alcuni parlamentari del Veneto che hanno firmato una proposta di legge, senza alcun criterio scientifico, per abolire l'obbligatorietà vaccinale nella fascia 0-6 anni. E questo mentre proprio al festival della scienza tutti gli esperti hanno ribadito la bontà della norma per mettere in sicurezza i bambini... sulla salute non si fanno campagne elettorali". 

Restando sulla sanità modenese, oltre a omaggiare l'efficienza della fusione tra gli ospedali Policlinico e Baggiovara il ministro si concentra sui centri 'minori' della struttura provinciale: "La rete funziona perchè è una rete, dove non c'è una cellula isolata dall'altra ma si lavora per hub and spoke, con una valorizzazione delle diverse realtà territoriali e in alcuni casi di specifiche eccellenze. L'Emilia ha lavorato molto in questi anni, bisogna continuare su questo livello", evidenzia Lorenzin.

(DIRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Ministro chiude la vicenda del Punto nascita di Pavullo: "Ci affidiamo alla scienza"

ModenaToday è in caricamento