Politica

Finale, soddisfazione a sinistra. Lugli: “Non sosterremo nessuno al ballottaggio”

Il 9% dei consensi raggiunto a Finale Emilia soddisfa la coalizione di sinistra che sosteneva Stefano Lugli: “Quando la sinistra è unita, ha proposte concrete e candidati competenti e radicati sul territorio, riesce a guadagnarsi lo spazio necessario per incidere”

“Sinistra Civica al 9% è un bel risultato, e il primo pensiero è di ringraziamento per i 709 elettori che hanno avuto fiducia in noi e nel nostro progetto politico”. Questo il primo commento di Stefano Lugli, candidato sindaco a Finale Emilia dopo il voto che lo ha visto arrivare ultimo fra i quattro candidati in corsa alle elezioni comunali.

Ma Lugli approccia il dato elettorale con ottimismo: “Il nostro 9% è un bel risultato perchè raddoppia il consenso ottenuto dalla sinistra rispetto alle elezioni di 5 anni fa, e perchè premia la costanza e l'impegno con cui in questi anni difficili per Finale Emilia abbiamo seguito i gravi problemi della nostra città avanzando proposte e soluzioni. Le elezioni di Finale Emilia, così come quelle di Pavullo, dimostrano che quando la sinistra è unita, ha proposte concrete e candidati competenti e radicati sul territorio, riesce a guadagnarsi lo spazio necessario per incidere e dire la sua con autorevolezza”.

Proprio “l'incisività” della coalizionione Sinistra Civica è un interessante oggetto di dibattito nel comune della Bassa modenese, dove il crollo del Partito Democratico, falcidiato dalle inchieste giudiziare che hanno travolto l'Amministrazione Ferioli, ha determinato il secondo turno di ballottaggio. Il centrodestra di Sandro Palazzi è in vantaggio di circa 14 punti percentuali e il 9% di Lugli può quindi essere davvero “incisivo”.

Ma il candidato sindaco dichiara di non voler dare indicazioni ai propri elettori, freddando le speranze di sostegno a sinistra da parte del Pd: “Ci siamo candidati con una proposta politica all'insegna di un cambiamento costruito non solo sull'alternanza al Governo della città ma soprattutto su una netta alternativa politica, e per questi motivi al ballottaggio non sosterremo alcun candidato perché le distanze rispetto a valori, idee e programmi che entrambi esprimono non sono conciliabili con la nostra idea di cambiamento – conclude Lugli – Invitiamo quindi gli elettori che ci hanno accordato la loro fiducia al primo turno a recarsi alle urne per il ballottaggio esprimendo il proprio voto secondo coscienza e in base ai programmi presentati dai candidati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finale, soddisfazione a sinistra. Lugli: “Non sosterremo nessuno al ballottaggio”

ModenaToday è in caricamento