rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Politica

Regione, strali dei grillini contro il neo-renziano Bonaccini

Dure dichiarazioni sul segretario regionale Pd da parte dei consiglieri Defranceschi e Dell'Orco, che denunciano l'assenteismo e l'improduttività de modenese. Dell'Orco: "Essere indagati dev'essere un requisito"

In questi pochi giorni Stefano Bonaccini è salito alla ribalta, sia per la sua candidatura, ormai ufficiale alle primarie Pd che dovrebbero portarlo a competere per la poltrona di sindaco a Modena, sia per la nomina a coordinatore della campagna elettorale di Matteo Renzi in terra emiliana. E questi pochi giorni sono bastati per sollevare contro il segretario del Pd regionale le accuse dei consiglieri del Movimento 5 Stelle.

“Tanti auguri – ironizza Andrea Defranceschi in merito alle nuove sfide di Bonaccini -  Poi ci spiegherà come pensa di potersi dedicare, con un accumulo tale di ruoli politici, all’attività legislativa, già insufficiente in tempi normali”. Il riferimento dell'esponente grillino è ovviamente al ruolo di consigliere regionale che Bonaccini ricopre a Bologna. “Nell’ultimo anno Bonaccini ha partecipato a meno della metà dei lavori consiliari – continua Defranceschi - ma ci rendiamo conto che dev’essere stato in altre faccende affaccendato. Cosa un po’ più grave però, è che dall’inizio della legislatura il segretario del Pd non ha mai depositato un’interrogazione, né una risoluzione, né una mozione: niente di niente”.

Defranceschi poi chiosa sena andare tanto per il sottile: “Mi chiedo se non si sia scambiata l’Assemblea regionale per un parcheggio temporaneo per renziani in attesa di collocazione. Soprattutto se se questo parcheggio è pagato almeno cinquemila euro al mese con soldi pubblici.”

Anche il collega a 5 stelle Michele Dell'Orco prosegue sulla stessa falsariga, tirando in ballo il processo a carico di Bonaccini, per il quale si attende la sentenza in queste settimane: “Il Pd schiera in campo le sue migliori forze per le primarie ed ecco che tra i preferiti alla corsa per il candidato primo cittadino spunta Bonaccini, accusato di abuso d’ufficio e turbativa d’asta. D’altronde c’era da aspettarselo che seguisse la strada del suo leader Renzi, già condannato in primo grado dalla Corte dei conti della Toscana per danno erariale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, strali dei grillini contro il neo-renziano Bonaccini

ModenaToday è in caricamento