Lunedì, 2 Agosto 2021
Politica

Musei modenesi, il M5S lancia l'allarme sulla gestione: "Dipendenti in fuga"

I pentastellati sollevano il caso relativo alle scelte del personale: "L'assessore alla cultura dovrà riferire in Consiglio comunale in merito alla Fondazione Modena Arti Visive"

Continua la "fuga" del personale storico dalla neo Fondazione Modena Arti Visive: dopo Serena Goldoni e Thelma Gramolelli della Galleria Civica, che hanno optato per l’impiego pubblico, anche la coordinatrice Paola Basile del Museo della Figurina getta la spugna e a breve andrà al MEMO.

Lo segnala il M5S di Modena, il cui gruppo ritiene che l’operazione della confluenza nella Fondazione Modena Arti Visive della Galleria Civica e del Museo della Figurina nella Fondazione Fotografica sia stata "frettolosa e poco rassicurante nonostante i  grandiosi propositi sbanderiati dai soci fondatori a sostegno dell’operazione, siglata appena un anno fa con tanto di nuovo statuto".

"Evidentemente gli intenti come migliorare l’offerta artistica unendo le sinergie, volta alla valorizzazione delle singole collezioni preservandone l’identità non hanno convinto nemmeno il valente personale, che a uno a uno sta migrando dagli ex istituti culturali pubblici, diventati a tutti gli effetti privati attaccano i grillini - Non c’è da stupirsi più di tanto, in realtà, se continua la fuga dei dipendenti storici dal nuovo ente: alla direzione della FMAV c’è la dott.ssa Diana Baldon, che ha scelto di espletare il suo complesso e oneroso lavoro rimanendo all’estero. Decisione quantomeno discutibile vista la delicata missione affidatale. È evidente il fatto che i dipendenti possano essersi sentiti snobbati dalla Baldon, ma anche spiazzati dal manifesto disinteresse dell’ente pubblico".

Prendendo dunque atto della manifesta lontananza della Baldon dagli istituti che dirige, i pentastellati chiedono spiegazioni su questa assenza all'Amministrazione: l'assessore alla cultura Gianpietro Cavazza dovrà riferire in Consiglio comunale in merito alla FMAV. "Quando si è doppiamente impegnati in progetti appena avviati e dal futuro tutto da pianificare crediamo non sia di buon auspicio e neppure produttivo non lavorare sul territorio loco ma in differita come sta facendo Baldon; così come poco opportuno è il silenzio totale adottato da parte dell’Amministrazione. Anche perchè gli esordi del nuovo corso lasciano alquanto a desiderare. Uno situazione imposta dalla neo direttrice, subita dai dipendenti, già penalizzati sotto vari aspetti (ricordiamo il vuoto lasciato già da anni a causa dell dimissioni forzate di Pierini, l’ultimo direttore della Civica). Con l’assessore alla cultura defilato e silente sulla questione, nel frattempo la prestigiosa storia artistica cinquantennale della Civica, rischia seriamente di andare in pezzi. Questo il risultato del non condurre in primis ma l’aver delegato di fatto ad altri le politiche culturali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musei modenesi, il M5S lancia l'allarme sulla gestione: "Dipendenti in fuga"

ModenaToday è in caricamento