menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Bortolotti (M5S)

Marco Bortolotti (M5S)

Bortolotti e il M5S si rimettono al lavoro: “Nessuna alleanza”

I grillini tirano le somme del voto, ammettendo un risultato non pienamente soddisfacente in termini percentuali. Ma Bortolotti si prepara al ballottaggio: "Siamo l'unica alternativa, fatta di modenesi onesti che si mettono al servizio dei cittadini"

Un colpo al cuore che ci ha fatto pensare di star sognando. Vedevamo apparire sui monitor numeri ai quali non credevamo”, così Marco Bortolotti racconta i palpitanti seppur lentissimi momenti dello scrutinio vissuto ieri sera al Caffè Dalton , divenuto ormai il quartier generale del Movimento 5 Stelle modenese. “Ci ho creduto fino alla fine – prosegue il candidato che sfiderà fra due settimane Gian Carlo Muzzarelli nello storico turno di ballottaggio, che tuttavia non nasconde un'analisi realista del dato elettorale – Ci aspettavamo due o tre punti percentuali in più, così come un risultato leggermente inferiore dello stesso Pd, in modo da giocarci il ballottaggio con cifre differenti”. Ma ormai il dato è chiaro e Bortolotti dovrà ripartire dal 16,3% e provare un recupero apparentemente impossibile di ben 33 punti percentuali.

Per affrontare questa sfida improba Bortolotti parte dall'analisi del dato elettorale del primo turno, individuando tre fattori critici: “In primo luogo c'è stato un astensionismo superiore al passato, unito ad una percentuale sempre più alta di persone anziane al voto, dalle quali il Movimento fatica ad essere compreso e viene avvertito come pericoloso. Poi c'è il fatto che non siamo stati sufficientemente incisivi nel comunicare le nostre esperienze e le nostre capacità a tutti i cittadini. Proprio su questi tre punti lavoreremo”.

Come annunciato durante la campagna elettorale e come sempre ribadito dal M5S in tutte le sedi, neppure a Modena saranno possibili accordi con chicchessia, come Bortolotti spiega con chiarezza: “Non faremo alleanze con altri partiti, ma sicuramente saremo a disposizione per incontrare chi ce lo chiederà in maniera trasparente. Con gli altri candidati alternativi al Pd ci sono stati molti punti di coincidenza nei programmi e proprio da quello partiremo. Cercheremo di comunicare a tutti – prosegue il candidato – il nostro programma, che è ampio e dettagliato e chi vorrà condividerlo sarà il benvenuto”.

In casa Cinque Stelle si conferma dunque la linea dura e pura, che almeno a livello formale caratterizzerà i prossimi quindici giorni di campagna elettorale. Certamente i grillini modenesi non spiccano per i toni accesi e i gesti talvolta sopra le righe che si registrano nel Movimento in altre parti d'Italia, ben riassunti nella figura pacata di Marco Bortolotti. Il candidato sindaco rivolge con il suo stile semplice e senza fronzoli un appello ai cittadini: “In città tutti si lamentano per quello che ha fatto il Pd in questi anni, dall'urbanistica alla sicurezza, al commercio e a tanti altri aspetti: ora abbiamo l'opportunità di cambiare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni anti-Covid, si apre la prenotazione per i 60-64enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento