rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Politica Vignola

Vignola, il M5S in crisi interna: non parteciperà alle elezioni comunali

I "facilitatori" non sono riusciti a mediare e trovare il modo di presentare una lista elettorale. Pesa la defezione di Nadia Piseddu, in contrasto con le ultime svolte interne del Movimento

“A Vignola, nonostante ci sia un gruppo di lavoro sul territorio, non si sono verificate le condizioni per completare un progetto per le Amministrative 2020. Si è lavorato fino all’ultimo, ma anche a causa di questo periodo di lockdown e distanziamento sociale non si è giunti alla certificazione di una lista M5S".

Ad annunciare quello che rmai era da settimane ormai un esito quasi scontato, sono stati Gabriele Lanzi ed Elena Mazzoni, i "facilitatori" incaricati di capire quali concrete possibilità avesse il Movimento di prendere parte alla contesa elettorale di settembre. Un esito che dunque taglia fuori i grillini dall'agone amministrativo, certificando un momento di crisi che è sia nell'organizzazione che nei consensi.

A pesare oltremodo sulla mancata partecipazione è stata sicuramente l'assenza dell'ex consigliera comunale Nadia Piseddu, che negli anni era stata centro attrattivo per i pentastellati vignolesi: la Piseddu ha de facto lasciato il partito in aperta opposizione alla linea nazionale adottata negli ultimi mesi. Un vuoto che non è stato colmato da nessun altro e che non ha permesso di costruire una lista.  

"Ci rattrista molto che degli attivisti o ex consiglieri, in cerca di visibilità, si ergano sul loro scranno di plasmatori del M5S vignolese e, per via di una non meglio identificata patente di “purezza”, possano sparare a zero su altri Portavoce, nazionali e non, definendoli “Pentapiddini della truppa Conte”, hanno commentato Lanzi e Mazzoni in riferimento alla Piseddu, spiegando che il M5S non prenderà parte alle lezioni, ma al tempo stesso che non sosterrà altri candidati.

“Tutti – continua Lanzi - devono aver ben chiaro in testa che il sottoscritto, e molti altri colleghi ora in Parlamento, hanno costruito il MoVimento sul territorio sin dalla sua nascita. Ora abbiamo l’onere e l’onore di rappresentarlo a Roma e, personalmente, lo faccio mantenendo un contatto frequente con tutti i territori dai quali provengo - hanno sottolineato i facilitatori -  Lavoriamo ogni giorno in Parlamento, in coalizione con il Partito Democratico, ben consci della difficoltà di coniugare il nostro pensiero con quello degli alleati di Governo, ma consapevoli della responsabilità di portare a casa riforme storiche per tutti i cittadini italiani”.

"Ringraziamo i tanti che hanno provato a lavorare per presentare una lista a Vignola, in particolare Alessandro Gibellini, e li esortiamo a continuare a lavorare. Come facilitatori saremo sempre al loro fianco per supportare e far emergere le risorse e la buona volontà dei tanti attivisti che incontriamo ai banchetti e alle riunioni”, hanno concluso Gabriele Lanzi ed Elena Mazzoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vignola, il M5S in crisi interna: non parteciperà alle elezioni comunali

ModenaToday è in caricamento