Ponte Veggia a Sassuolo, il Sottosegretario: "Preoccupati dal mancato avvio lavori"

Il Sottosegretario Michele Dell'Orco (M5S) e i consiglieri comunali pentastellati chiedono al Sindaco di garantire con tempi certi la sicurezza della circolazione sul manufatto ammalorato

“Sono preoccupato dalle notizie che mi giungono dal Comune di Sassuolo in merito allo slittamento dei lavori previsti per il Ponte Veggia”, lo dichiara Michele Dell’Orco, Sottosegretario di Stato alle Infrastrutture e Trasporti che, anche insieme ai consiglieri M5s di Sassuolo, sta continuando a seguire la questione degli interventi di manutenzione necessari e urgenti che erano stati previsti nel 2018 e che ora l’amministrazione ha posticipato con l’assestamento di bilancio.

“Sarebbe necessario capire quali siano le questioni più urgenti che non hanno permesso all’amministrazione di avviare nel 2018 gli interventi necessari. Il Sindaco – chiosa Dell’Orco- non può permettersi di giocare con il fuoco e mettere a rischio la sicurezza dei cittadini”.

Racconta il consigliere comunale M5S Erio Huller:“ In risposta ad una nostra interrogazione del maggio 2017 ci era stato garantito dall’amministrazione che i lavori di ripristino sarebbero stati avviati nel 2018, ora scopriamo che vengono posticipati di un anno con la giustificazione che la stabilità del ponte è garantita. Si tratta di una spiegazione che non tranquillizza perché comunque non viene garantita la sicurezza della circolazione: forse i pilastri sono stabili ma non sappiamo se possiamo dire altrettanto delle travi, inoltre considerati gli evidenti buchi su manto stradale e lungo i camminatoi pedonali laterali di cemento , che necessitano, come confermato dalla ex assessore Sonia Pistoni, di interventi di manutenzione straordinaria, possiamo dire con certezza che al momento non è garantita la sicurezza della viabilità pedonale, né della circolazione dei veicoli”.

“Il Governo –aggiunge il Sottosegretario -sta mettendo in campo azioni importanti e attese da decenni per la manutenzione infrastrutture con stanziamenti importanti anche per l’Emilia Romagna ma anche il Comune deve fare la sua parte e concorrere allo sforzo necessario. Stiamo ad esempio cercando di risolvere la questione lasciata aperta dal precedente Governo sulle criticità infrastrutturali dei ponti sul PO che collegano la viabilità di Emilia Romagna e Lombardia. In tal senso abbiamo sbloccato subito vecchie risorse stanziate e non ancora arrivate sul territorio e, con la legge di bilancio, stiamo preventivando un ulteriore stanziamento di 60 milioni di euro”. “Oltre al ripristino dei ponti –illustra ancora il Sottosegretario - stiamo lavorando sulla manutenzione della viabilità esistente e, a fine luglio, ad esempio sono state trasferite alla provincia di Modena risorse per programmi straordinari di manutenzione delle rete viaria provinciale per oltre 1,6 milioni, risorse che tra le altre cose saranno destinati anche al viadotto sul fiume Secchia e al viadotto sul Rio Secco. Sono previste inoltre fino al 2023 altre risorse statali per la rete stradale della Provincia di Modena per un totale di oltre 22 milioni. Ci stiamo impegnando anche per quanto riguarda il trasporto ferroviario con 674 milioni di euro di risorse aggiuntive che arriveranno per l’Emilia Romagna  dal nuovo contratto di Programma RFI in corso di approvazione”.  “Tutti questi sforzi fatti dal Governo possono però alla fine risultare insufficienti per la garanzia della sicurezza della circolazione se si lascia andare in malora un ponte comunale, per questo –conclude Huller- chiediamo al Sindaco di programmare con tempi certi i lavori sul ponte Veggia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Maxi sequestro a Modena Nord, fermato un Tir con 22 chili di cocaina

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

  • Coronavirus, percentuale positivi ancora alta in regione. Modena balza in testa

Torna su
ModenaToday è in caricamento