Politica

Maltempo. In provincia finanziati venti interventi su fiumi e strade

Gazzolo: "E' una prima risposta alle criticità aperte dal maltempo nella della stagione invernale. Altre risorse arriveranno con la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale per le piogge e le nevicate di febbraio e marzo già chiesta al Governo"

trade, frane e arginature, corsi d’acqua, servizi pubblici e assistenza alla popolazione. Via libera a 7 milioni e 881 euro per cantieri di messa in sicurezza e per interventi di ripristino di viabilità e infrastrutture pubbliche nei territori di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Forlì-Cesena, le sei province duramente colpite dall’8 al 12 dicembre 2017 dall’eccezionale ondata di maltempo per cui, la Regione, ha immediatamente chiesto e ottenuto la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale. Approvata la prima parte del Piano degli interventi, finanziato dal Governo, dopo la firma del presidente Stefano Bonaccini al decreto.

I finanziamenti, che si aggiungono ai 2 milioni di euro stanziati dalla Regione all’indomani degli episodi di maltempo, serviranno per realizzare un pacchetto di 177 interventi urgenti e necessari al ripristino di tratti stradali con rimozione di alberi, rami, detriti, per la messa in sicurezza di marciapiedi, il ripristino di edifici e illuminazione pubblici, per prima sistemazione di smottamenti e frane e arginature oltre alla realizzazione di interventi di assistenza alla popolazione. In particolare, nel territorio della provincia di Modena gli interventi finanziati sono 20 per un importo pari a 858.574 euro.

“Il Piano dà una prima risposta alle criticità di un territorio che nel corso della stagione invernale ha subito duramente le conseguenze del maltempo- afferma Paola Gazzolo, assessore regionale alla sicurezza del territorio-. Il Dipartimento nazionale di protezione civile ci ha autorizzato nei giorni scorsi ad investire una prima parte dei 10 milioni stanziati dal Governo a fine dicembre e subito il presidente Bonaccini, con un decreto, ha assicurato operatività ai relativi interventi. Il quadro si completerà con i nuovi finanziamenti richiesti per fronteggiare gli aggravamenti causati dalle nevicate e dalle piogge cadute senza sosta per circa 40 giorni tra febbraio e marzo: la Regione ha presentato lo scorso 20 marzo la richiesta dello stato di emergenza nazionale, che ci auguriamo venga accolta al più presto”.

I Comuni dove si realizzano i lavori finanziati sono Bomporto (60mila europer i primi interventi sulla struttura del ponte in corrispondenza dei portoni vinciani, alla confluenza tra Naviglio e Panaro, per evitare infiltrazione di acqua durante le piene), Campogalliano (2 interventi da complessivi 18.735 euro per il ricovero e l’assistenza della popolazione e per la pulizia ed il lavaggio strade, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti compreso il recupero degli animali morti ad opera di Hera), Fanano (80mila europer il ripristino delle condizioni di sicurezza e dell’officiosità idraulica del Fosso Cirio nel tratto tombato che attraversa il centro abitato), Formigine (50mila euro per il ripristino dell'attraversamento carrabile di Via Imperatore sul torrente Taglio), Frassinoro (2 interventi per la messa in sicurezza della viabilità del ponte sul torrente Dragone e di via fondovalle Dolo, per un finanziamento complessivo di 23.500 euro), Guiglia (3.500 euro per il ripristino della viabilità attraverso la rimozione di alberi, rami e  detriti), Modena (8.690 euro ad Hera per la pulizia ed il lavaggio strade, il servizio spurgo, raccolta e smaltimento rifiuti), Montefiorino (80mila euro destinati alla sistemazione di un tratto stradale comunale interessato da una frana attiva, in località casa Bocci). 

E ancora  Montese (25mila euro per il ripristino della viabilità rimuovendo alberi, rami e detriti e per la messa in sicurezza delle coperture di vari edifici pubblici), Palagano (95mila euro serviranno all’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile per ripristinare la difesa spondale in destra idraulica sul torrente Dragone in prossimità del ponte del Mogno, mentre per la rimozione di alberi e rami sulle strade ed il ripristino della copertura del Polo Sanitario ne vengono stanziati altri 10.700), Pievepelago (110mila euro per sistemare la viabilità sulla strada Roccapelago - S. Anna, interrotta tra il bivio della Ventadia e il bivio con Casa Caranda; a questi se ne aggiungono altri 52.007 per la messa in sicurezzadella viabilità attraversoil taglio e la rimozione detriti e per sistemare situazioni di dissesto localizzate), Prignano sulla Secchia (al completamento dei lavori urgenti volti a garantire il regolare deflusso delle acque di piena del Secchia attraverso la movimentazione di massi e rocce nell’alveo del fiume e la ricostruzione di protezioni e difese sulla sponda destra in località Stignano sono stati destinati 150.500 euro; per la messa in sicurezza di via Ducale, in località Le Borre altri 19mila), Ravarino (45mila euro per iniziare a ripristinare il doppio senso di circolazione in sicurezza sulla SP 568 al km 8+150), Sassuolo (1.942 euro coprono le spese di attivazione del pronto intervento di una ditta specializzata per far fronte tempestivamente a eventuali situazioni di pericolo) e Sestola (25mila euro per mettere in sicurezza il torrente Faggia Secca ed il rio Sasso Bianco a monte dell'abitato esondato durante l'evento alluvionale del 10 dicembre 2017).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo. In provincia finanziati venti interventi su fiumi e strade

ModenaToday è in caricamento