Più spazio alla scuola, manifestazione giovedì in Piazza Grande

Anche la Cgil sostiene la mobilitazioni degli insegnati, che in diverse città chiedono più attenzione alle istituzioni e una ripartenza delle lezioni in presenza

Si svolge in numerose città italiane, la manifestazione di giovedì 25 giugno “Priorità alla scuola”, promossa dall’omonimo comitato di insegnanti, genitori, educatori e studenti della scuola e dell’università.

Anche a Modena si terrà la manifestazione in piazza Grande alle ore 18.30 per chiedere che il diritto all’istruzione sia garantito a tutti con lo slogan “Spazio per la scuola, spazio alla scuola: ora o mai più!”

Partecipano insegnanti, genitori, educatori e studenti della scuola e dell’università per ribadire che la scuola sia un luogo ri-aperto, migliore, accogliente e sicuro per tutti.

Il sindacato scuola-università Flc Cgil di Modena aderisce e sostiene le ragioni della mobilitazione e sarà in piazza con una propria delegazione. L’evento si svolgerà nel rispetto delle norme di distanziamento anti- Covid e si invitano tutti a tenere buone pratiche onde prevenire il contagio.

"La comunità scolastica ha bisogno di ripartire in presenza a settembre: bambine, bambini, giovani, insegnanti, lavoratori/trici e famiglie hanno resistito per tre mesi – materialmente e psicologicamente – per far fronte a una emergenza. Dopo questo enorme sforzo collettivo e quando ormai tutte le attività produttive del Paese sono già riavviate, è ora di dire basta: la comunità scolastica ha bisogno di ripartire in presenza a settembre perché senza scuola non c’è politica, non c’è giustizia, non c’è uguaglianza, non c’è crescita – né umana, né economica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo i promotori chiedono: "Risorse straordinarie, personale docente e Ata adeguato alle esigenze della scuola, assunzione dei docenti precari dalle graduatorie provinciali, che i Comuni e le Province trovino spazi per tutte le scuole di ogni ordine e grado,investimenti strutturali per l’edilizia scolastica, prevenzione sanitaria nelle scuole. Sono altresì contrari alla riduzione del tempo scuola, alle esternalizzazioni (tutto lavoro precario) per completare il tempo scuola, alle ore di 40 minuti, alla didattica a distanza come parte strutturale dell’orario di scuola".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento