rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Politica Stadio Braglia / Parco Piazza D'Armi Novisad

Fiaccolata, la Lega al Novi Sad per chiedere più sicurezza

Una trentina di rappresentanti e militanti leghisti hanno manifestato lungo l'anello del parco. L'invito a Muzzarelli a cedere la delega alla Sicurezza per avere un assessore "dedicato" al tema

“È ora di dire basta. Per noi della Lega è giunto il momento di uscire dalle belle sale comunali dove quotidianamente portiamo avanti le nostre battaglie, di scendere in piazza al fianco dei modenesi e di far sentire la nostra voce per denunciare - tutti insieme - una situazione di insicurezza ormai insostenibile e inaccettabile. È tempo di agire diversamente, di tentare anche altre strade oltre a quella delle interrogazioni e delle mozioni, per sollecitare con maggiore concretezza un’Amministrazione incapace, che preferisce ignorare il problema piuttosto che rimboccarsi le maniche per risolverlo. Quante volte infatti abbiamo riproposto il tema in consiglio comunale? Quante volte abbiamo reclamato l’intervento delle istituzioni? E quante abbiamo chiesto che la tutela della comunità fosse riconosciuta come una priorità assoluta? Finora sistematicamente inascoltati - al pari dei cittadini - abbiamo deciso di manifestare per ribadire ulteriormente che la sicurezza non è un privilegio, bensì un diritto fondamentale di cui tutti devono poter godere.”

Con queste motivazioni, annunciate dal capogruppo di Lega Modena, Alberto Bosi, il Carroccio ha organizzato una manifestazione oggi pomeriggio presso il parco Novi Sad. Alle 17 si sono trovati una trentina di esponenti locali della Lega, che hanno compiuto un giro dell'anello del parco con in mano alcune fiaccole.

"Vogliamo una Modena più sicura, e una migliore gestione della sicurezza, meno superficiale e più efficace. Furti, rapine, spaccio, estorsioni, risse e atti vandalici: ormai si vede e si legge di tutto; la criminalità dilaga e i malfattori rimangono spesso impuniti, a scapito della vivibilità della città e della tutela della comunità. Servono più agenti, controlli e provvedimenti seri da attuare quanto prima per rallentare l’escalation di reati che si registra a livello provinciale", ha aggiuto Bosi. La lega chiede anche che il sindaco Rimetta la delega alla sicurezza, nella speranza che un assessore dedicato al tema possa svolgere un lavoro più puntuale.

"Da anni il sindaco promette più sicurezza ma ogni anno la situazione peggiora e dai soli furti di notte siamo passati ad aggressioni in pieno giorno, borseggi, baby gang, atti osceni tra minorenni ed una criminalità diffusa presente non solo alla notte ma sopratutto di giorno - hanno ggiunto Valentina Mazzacurati e Mario Mirabelli, responsabili di giusitizia e sicurezza del Carroccio - Con questa fiaccolata si simboleggia il riappropriarsi dei cittadini dei luoghi della città una priorità che dovrebbe essere garantita dal sindaco che ha in capo la gestione della sicurezza ma che per ideologia non ha mai trattato con la dovuta priorità. Garantire sicurezza ai cittadini vuol dire rispettare il programma che Muzzarelli aveva fatto i modenesi. Abbiamo corpi speciali preparati e competenti ma senza una strategia specifica gli sforzi sono vanificati. Abbiamo preparato un programma specifico sulla sicurezza che parte dalla presa di coscienza che modena non è una città sicura e ce lo dimostrano le statistiche e che i troppi luoghi “ignorati” della città hanno fatto crescere troppe sacche di criminalità, dove i delinquenti si sentono quasi “inosservati”. Il Sindaco intensifichi i controlli a tappeto nei negozi alimentari notturni, dove è palese il carente rispetto delle norme e tutte le abitazioni che sono covi veri e propri covi dove vige l’assenza di rispetto delle regole".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiaccolata, la Lega al Novi Sad per chiedere più sicurezza

ModenaToday è in caricamento