rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Politica

Elezioni Modena, Marco Forghieri candidato con il Pd

Studente di Giurisprudenza, 22 anni, è rappresentante degli studenti in Senato Accademico e nella Conferenza degli Studenti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Sono modenese e nato a Modena il 21/06/1991, studio a Giurisprudenza e sono rappresentante degli studenti in Senato Accademico e nella Conferenza degli Studenti. Mi sono impegnato in politica sin dall’età di sedici anni, nel 2007, con la fondazione del Pd e in seguito nei comitati per Renzi per le primarie del 2012. Sono stato coordinatore cittadino dei comitati Renzi durante le primarie 2013. Il 23 dicembre 2013, in seguito all’ultimo congresso cittadino sono stato nominato Responsabile organizzazione del Pd di Modena. Faccio parte dell’Assemblea Comunale e della segreteria del Pd di Modena.

Ho deciso di candidarmi in Consiglio Comunale e di occuparmi della cosa pubblica perché credo che nonostante la giovane età abbia, dopo sette anni di politica attiva e di conseguente dialogo con i cittadini, i comitati e le associazioni, maturato la sufficiente esperienza per sapere quali sono i bisogni e le esigenze dei cittadini modenesi. Il lavoro di ascolto anche e soprattutto al di fuori della vita di partito ma anche in qualità ad esempio di rappresentante degli studenti mi hanno fatto ritenere giusto mettere a disposizione della collettività la mia esperienza e tutto il mio impegno a disposizione di una città che nel corso della sua storia repubblicana ha saputo essere prima protagonista in Italia e nel mondo per le sue eccellenze, per alcuni dei suoi più illustri cittadini e per il suo elevato tenore di vita. I modenesi che giustamente diffidano dei “salvatori della patria” e dei “facili profeti”, che a volte possono sbagliare ma che hanno dimostrato di non sbagliare mai nel segreto dell’urna sono convinto sapranno preferire chi può ancora garantire quei valori e la realizzazione di quei progetti che ci hanno reso grande nel mondo quella che secondo me è la città più bella del mondo.

Per portare avanti quanto mi propongo intendo caratterizzare la mia esperienza politica su alcune battaglie chiave fra le quali:

  • Interventi a favore della maggior trasparenza nelle nomine delle partecipate e nelle fondazioni, previsione di un numero massimo di mandati, un emolumento unico per gli amministratori pubblici che siedono nei Cda e nei consiglio di indirizzo in più enti e un tetto agli stipendi sul modello di quanto portato avanti da Renzi a livello nazionale.

  • Migliorare e implementare la percezione di Modena come città ducale. Siamo stati per secoli capitale di stato ma a differenza di Parma e Ferrara non siamo in grado di sfruttare questo fattore per intercettare un turismo culturale che guardi con interesse alla nostra storia estense. Occorre migliorare la toponomastica cittadina e organizzare eventi e percorsi ad hoc.

  • Arrivare a far percepire Modena come una città davvero universitaria con un grande evento unico per l’accoglienza delle matricole e una maggiore collaborazione con l’Università.

  • Un impegno per una mobilità sostenibile non demagogico e a parole. I cittadini modenesi preferiranno i mezzi pubblici non grazie a campagne di sensibilizzazione ma quando questo sarà davvero più conveniente rispetto alla mobilità privata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Modena, Marco Forghieri candidato con il Pd

ModenaToday è in caricamento