Lunedì, 27 Settembre 2021
Politica Finale Emilia

Mattia Veronesi si candida a sindaco di Finale Emilia

Si è tenuta questa mattina, domenica 27 giugno al Pesa Caffè di Massa Finalese, la presentazione di Mattia Veronesi, candidato sindaco di Finale Emilia per le liste Movimento 5 Stelle, di Sinistra Civica e Coraggiosa che raccoglie tutta la sinistra e un gruppo di giovani under 40 riuniti in Generazione Futura 2030

Mattia Veronesi, 31 anni, residente a Massa Finalese e laureato in chimica e tecnologia farmaceutiche, di professione è farmacista ed è l’attuale capogruppo del M5S in consiglio comunale e in consiglio dell’Unione.

La candidatura di Mattia Veronesi nasce dal lavoro fatto in consiglio comunale all’opposizione della giunta Palazzi e dalla preparazione di una proposta politica che fa dell’innovazione e della partecipazione le sue parole chiave: “siamo al lavoro per preparare le liste che sostengono la mia candidatura, per ora abbiamo tre liste ma sta crescendo molto entusiasmo attorno a noi e non escludo possano essere anche quattro - spiega Mattia - Siamo aperti al contributo di chiunque condivida il nostro progetto di rinnovamento”.

Nel suo intervento Mattia Veronesi ha spiegato che al centro del suo progetto c’è la ricostruzione di una comunità sfiduciata dopo 5 anni di giunta Palazzi: “i cittadini sono stati abbandonati, e noi vogliamo stringere un patto di comunità con associazionismo, terzo settore e imprese perché solo con un’Amministrazione che ascolta e collabora con la città è possibile liberare le tante energie dei finalesi, oggi inespresse”.

Grade attenzione è dedicata alla ricostruzione pubblica: “Sono fermi in Regione 44 milioni di € che la giunta Palazzi non ha saputo intercettare. Finale Emilia non può perdere altro tempo e romperemo l’immobilismo confrontandoci con la Regione e investendo subito risorse per potenziare la capacità progettuale dell’Amministrazione, oggi insufficiente. La macchina comunale è in grande sofferenza - continua Mattia Veronesi - e deve essere riqualificata perché senza una struttura amministrativa adeguata nessun cambiamento è possibile.”

Veronesi ha dedicato un pensiero ai lavoratori dell’Unifer che ieri erano a Firenze alla mobilitazione dei sindacati: “sto seguendo la loro vertenza e mi auguro possa risolversi nel miglior modo possibile anche perché quella fabbrica è stata ricostruita con denaro pubblico e sarebbe una beffa se oggi chiudesse. Il tema dell’occupazione è centrale, e voglio creare un assessorato dedicato al lavoro per prevenire le crisi aziendali e creare opportunità per giovani e donne puntando sulla sostenibilità”

“Non possiamo perdere l’ultima opportunità di investire in un futuro che premierebbe i giovani, e per questo - continua Mattia Veronesi - voglio attivare un Ufficio Europa per dotare il comune delle competenze necessarie ad intercettare i fondi europei in arrivo, che vedono nei comuni i terminali di ogni investimento”.

Mattia Veronesi spiega che nelle ultime settimane era stata cercata un’alleanza con il Pd, ma la candidatura di Marco Poletti non rappresenta la discontinuità e il rinnovamento di cui Finale Emilia ha bisogno e che vogliamo interpretare. Conclude Mattia: “La mia sarà un’amministrazione che unisce competenze tecniche e politiche e avrà una squadra di amministratori liberi da ogni compromesso che fin dal primo giorno lavoreranno per unire la comunità e dare un futuro ai giovani.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mattia Veronesi si candida a sindaco di Finale Emilia

ModenaToday è in caricamento