Nidi esternalizzati, Melotti (Pd): "Il Governo cambi le norme sul personale dei Comuni"

Il responsabile Lavoro nei servizi pubblici della Segreteria cittadina del Pd Roberto Melotti interviene sulla decisione di passare alla gestione della Fondazione CresciaMo due nidi modenesi

“La scelta di due nidi, passati dalla gestione diretta comunale a quella, comunque riconducibile alla nostra Amministrazione cittadina, della Fondazione CresciaMO, non è stata fatta a cuor leggero". Lo dice il responsabile Lavoro nei servizi pubblici della Segreteria cittadina del Pd Roberto Melotti, all'indomani della decisione della Giunta che ha trasferito due nidi alla Fondazione Cresci@mo come primo atto della riorganizzazione del servizio Zerosei.

"L’origine di tutto è una norma nazionale, voluta dall'allora ministro Giulia Bongiorno, che impedisce ai Comuni di fare le assunzioni che ritiene necessarie - accusa il dirigente Pd - La scelta è scaturita dal governo giallo-verde che, nella primavera del 2019, ha cancellato la possibilità del turn over al 100% del personale cessato e che ha portato, invece, a fissare una percentuale rigida di spesa per il personale che non può essere varcata. Questa percentuale è fissa e rapportata alle entrate, senza altri criteri, e penalizza i capoluoghi dell'Emilia Romagna che da decenni hanno creato servizi educativi e sociali che altrove semplicemente non esistono, come quantità e qualità".

Melotti ritiene dunque che in queste condizioni il Comune sia "di fatto costretto a scegliere tra la paralisi dei propri uffici e il mantenimento delle gestioni dirette di servizi" e aggiunge: "Chiediamo a gran voce al Governo di rivedere questo nuovo criterio, altrimenti negli anni a venire saranno altri i servizi che gli Enti locali non potranno più gestire direttamente. Per anni il limite alle assunzioni era stato fissato rispetto alla spesa storica, ma questa nuova norma invece colpisce i Comuni che hanno messo in piedi servizi, di qualità riconosciuta, gestendoli direttamente rispetto a quelli che non lo hanno fatto o semplicemente hanno fatto sistematicamente ricorso agli appalti: una prima proposta è la rimodulazione delle aliquote IRAP che attualmente svantaggiano la gestione pubblica di servizi alle persone".

"Soluzioni come fu quella di CresciaMO o della Fondazione Pia Casa per i servizi sociali mantengono comunque i servizi in ambito pubblico, ma riteniamo a questo punto necessario che possano essere destinate le risorse possibili alla contrattazione aziendale in modo da poter retribuire in modo più adeguato la professionalità del personale che verrà assunto in pianta stabile. Va proseguito il percorso che attraverso la contrattazione tra Amministrazione e sindacati ha già permesso di introdurre tutele che avvicinano il contratto a quello dei dipendenti comunali. Personale che svolge analoghe mansioni deve poter contare su analoghi diritti”, chiosa Melotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento