Missione tra i profughi Saharawi per il Comune di Modena

L’assessore Bosi nei campi profughi nel deserto algerino con una delegazione della Regione per consolidare le relazioni e verificare l’attuazione dei progetti di solidarietà

Compie vent’anni il patto di amicizia che lega la città di Modena al popolo Saharawi e che è stato nuovamente confermato nei giorni scorsi con una cerimonia ufficiale che si è tenuta a El Ayoun, nei campi profughi Saharawi del deserto algerino, ai confini con i territori del Sahara Occidentale. Una delegazione del Comune di Modena guidata dall’assessore Andrea Bosi ha partecipato infatti alla missione istituzionale della Regione Emilia-Romagna in corso nei campi profughi e che si concluderà sabato 11 marzo. Della missione, che ha lo scopo di consolidare le relazioni con la Repubblica Araba Saharawi Democratica e di verificare lo stato di attuazione dei progetti di cooperazione realizzati negli ultimi anni, fanno parte rappresentanti della Regione, dei Comuni (oltre a Modena anche Parma e Ravenna) e di associazioni di solidarietà con il popolo Saharawi, come la modenese Kabara Lagdaf.

Insieme al patto di amicizia, l’assessore Bosi ha confermato anche l’impegno di ospitalità e di collaborazione con il popolo Saharawi che “da troppo tempo vive in una situazione di stallo dal punto di vista della politica internazionale e che chiede anche a noi di aiutarlo a rompere il muro di silenzio sulla vicenda di un popolo pacifico che rivendica pacificamente il diritto alla propria autodeterminazione”.

La popolazione saharawi convive con problemi gravi come la carenza di acqua (in media dispone di meno della metà dell’acqua necessaria secondo i parametri internazionali), di un’alimentazione adeguata e di un’opportuna assistenza sanitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come ha sottolineato Bosi, molti dei progetti avviati grazie al contributo delle comunità di Modena e dell’Emilia Romagna, tra i quali il soggiorno di bambine e bambini presso famiglie modenesi e i controlli sanitari ai quali sono sottoposti, vanno appunto nella direzione di alleviare questi problemi e di contribuire concretamente a migliorare le condizioni di vita della popolazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Scuole, contagi in altre 21 classi. Cinque finiscono in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento