Degrado in zona Mef e nel comparto Acciaierie, Modena Ora va all'attacco

Cinzia Francini e il candidato Stefano Bellei hanno incontrato una residente dopo un sopralluogo nell'area che soffre di problemi di lunga data dovuti alle opere urbane incompiute

"Erba non tagliata, macchine abbandonate, sporcizia, siringhe abbandonate, prostitute, una montagna di terra (ricavata dalla creazione del sottopasso ciclabile con l’ascensore mai realizzato) trasformata in un rifugio per topi e un cantiere, con garage interrati, spesso sommerso da acqua stagnate. Si presenta così l’area adiacente a quella che dovrebbe essere una eccellenza modenese: il Museo Enzo Ferrari di Modena". Ieri la candidata sindaco di Modena Ora Cinzia Franchini, insieme a Stefano Bellei, ha incontrato un gruppo di residenti che da tempo lamentano questa situazione. Di fatto da quando, nel lontano 2007, hanno comprato casa e abitano in questo quartiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo stati contattati dalla signora Annunziata Bruno che vive in uno degli alloggi a ridosso della linea ferroviaria  e abbiamo incontrato la sua famiglia e i vicini – spiega Cinzia Franchini -. Purtroppo, nonostante le tante segnalazioni fatte all’amministrazione comunale, nulla è cambiato: pochi interventi spot e poi il nulla. Per molti residenti di via Soli, via Vandelli, via Lamborghini  il degrado che regna nella zona è un vero e proprio incubo. La promessa delle barriere antirumore per dividere i binari dalla zona residenziale non è mai stata mantenuta, il parcheggio che avrebbe dovuto essere a servizio del Museo è pieno di erbacce e per la manutenzione è un rimpallo tra proprietario dell’area e il Comune e così il comparto acciaierie con il suo maxi cantiere fantasma è simbolo della Modena che vorremmo non vedere. Se si pensa che questo è il biglietto da visita offerto ai turisti che accorrono al Mef la cosa è ancor più preoccupante”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

Torna su
ModenaToday è in caricamento