menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“La montagna merita rispetto”, la manifestazione di Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale contro le chiusure

Ancora chiusure degli impianti sciistici e il conseguente crollo di turismo ed economia nelle zone montane della nostra Regione. Questa mattina la manifestazione per ribadire che “la montagna merita rispetto” e per schierarsi a fianco degli operatori

Si è svolta questa mattina la manifestazione organizzata da  Fratelli d’Italia e Gioventù Nazionale Modena  presso gli impianti chiusi di Passo del Lupo a Sestola per ribadire, ancora una volta, che “la montagna merita rispetto” e per schierarsi a fianco degli operatori. 

“Il Ministro Speranza non si smentisce: persevera nella totale incapacità di programmazione e in scelte e tempistiche comunicative vergognose – attacca il Consigliere e Coordinatore regionale di FdI Michele Barcaiuolo – gli operatori della montagna non hanno lavorato per mesi, subendo perdite enormi e per organizzare la riapertura hanno sostenuto ingenti spese. Quanto verranno ristorate queste imprese? Quanti soldi verranno stanziati per sopperire ai danni causati da queste scelte? Domande a dir poco legittime, basti pensare che a livello Nazionale si stima una perdita di quasi 10miliardi di euro calcolando tutto l’indotto e le attività che godono di riflesso del turismo montano e sciistico”. 

“Il Governo dei migliori appare come un proseguo dei Governi Conte – incalza il Presidente provinciale di Gioventù Nazionale Lorenzo Rizzo – le chiusure dettate dall’abominevole ministro delle nevi, Roberto Speranza, stanno mettendo in ginocchio un settore strategico e il lavoro di molti giovani del territorio che, durante la stagione sciistica, si prestano per impieghi temporanei nelle attività ricettive e negli impianti del Cimone”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, oggi 379 casi e 7 decessi in provincia di Modena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento