rotate-mobile
Politica

Promozione del territorio modenese, Muzzarelli invoca il gioco di squadra

Il sindaco di Modena è intervenuto alla presentazione delle iniziative sulla tappa del Giro d'Italia a Sestola: "Un'esperienza che può insegnare, serve un rilancio"

“Il Giro d’Italia, con l’arrivo di una tappa a Sestola e la partenza di un’altra da Modena, è stato un evento di comunità, e ha rappresentato una fantastica opportunità di promozione per la città e per tutto il territorio. È giusto valorizzare quell’esperienza, soprattutto per quello che ci può insegnare nel definire un progetto di rilancio in chiave turistica della nostra provincia in una prospettiva di area vasta”.

Lo ha affermato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli intervenendo oggi, martedì 26 agosto, al Museo Enzo Ferrari, alla conferenza stampa di presentazione delle iniziative organizzate a Sestola per domenica 31 agosto quando si svolgerà un evento a carattere gastronomico (“Il chilometro mangiato”, una grande tavolata che coinvolge tutto il paese) e verrà presentato il libro realizzato sulla tappa del Giro “A ruota libera” (Artioli editore): l’appuntamento è alle 17.30 con la curatrice Sabrina Bastai e il critico d’arte Philippe Daverio. L’iniziativa è organizzata dal Comune di Sestola e dal Comitato promotore, con il sostegno di Bper e di Grandi salumifici italiani.

“L’edizione 2014 del Giro – ha ricordato Muzzarelli – è stata particolarmente significativa anche per come ha consentito di riportare l'attenzione dell’opinione pubblica nazionale sul terremoto che aveva colpito il nostro territorio proprio due anni prima: è stato un modo per ricordare quel dramma, ma anche per rimarcare gli sforzi fatti per la ricostruzione da un territorio operoso”.

Muzzarelli ha sottolineato anche la necessità “di collaborare con tutti i soggetti del territorio, anche lavorando sulla programmazione europea per ottenere le risorse necessarie, allo scopo di definire un progetto che ci consenta di cogliere fino in fondo le opportunità di promozione e valorizzazione offerte dallo sport, come è stato con il Giro d’Italia, e dalle altre iniziative che possono offrire a Modena una vetrina nazionale e internazionale per le proprie eccellenze, cogliendo le opportunità dell’Expo 2015”. Ricordando la scomparsa dello storico c.t.. della nazionale di ciclismo Alfredo Martini, il sindaco di Modena ha sottolineato come si debba “saper cogliere e trarre energia da figure come la sua, che ci insegnano – ha aggiunto – che si è più forti se si sa fare gioco di squadra. Ed è proprio questo spirito che serve ai nostri territori per affrontare le nuove sfide dell’area vasta”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promozione del territorio modenese, Muzzarelli invoca il gioco di squadra

ModenaToday è in caricamento