Covid. Muzzarelli rompe gli indugi: "Se non riparte il lavoro, tutto il resto non ha senso"

Dialogo aperto col Governo per riavviare le produzioni. Importante anche tema della riorganizzazione della Pa; oggi il 60% del personale del Comune in smart working

“Non è terminata la fase dell’emergenza, ma se i trend statistici dei dati sanitari fossero confermati, la prospettiva di uscire dalla fase di lockdown il 3 maggio sarebbe concreta e praticabile”, ha sottolineato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli in Consiglio comunale, mercoledì 22 aprile in occasione della nuova comunicazione sull’emergenza epidemiologica da Covid-19 che è stata preceduta da un minuto di silenzio dedicato alle vittime della malattia, con un riferimento particolare all'operatrice sanitaria di Villa Margherita Anna Caracciolo e al medico Manuel Efrain Perez, presidente dell'associazione Fratres Mutinae.

“Non bisogna allentare assolutamente l’attenzione, ma i miglioramenti dei numeri sono evidenti”, ha detto il sindaco ringraziando il mondo della sanità, Protezione Civile, Forze dell’Ordine a tutti i livelli e i modenesi per l’atteggiamento responsabile che hanno avuto.

Il tema della fine del lockdown e sul come avverrà una ripresa graduale e in sicurezza sono la priorità per l’Italia e per il nostro territorio”, ha aggiunto poi il sindaco. “Il dialogo con il Governo è aperto e io auspico che il lavoro possa ripartire e che le grandi filiere aziendali presenti in Emilia-Romagna, soprattutto con vocazione all’internazionalizzazione, siano messe nelle condizioni di riavviare le produzioni, perché in regione ci sono 500mila persone in cassa integrazione e oltre 300mila posti di lavoro a rischio. Se non riparte il lavoro, tutto il resto non ha senso e anche i bilanci dei Comuni diventano insostenibili e la chiusura dei servizi passa da ‘fantascienza’ a una drammatica opzione sul tavolo”, ha continuato Muzzarelli sottolineando la partecipazione di pochi giorni prima al Tavolo Unico del Lavoro convocato dalla  Regione per arrivare a una proposta condivisa da sottoporre all’esecutivo nazionale”.

Con riferimento agli stanziamenti del Cura Italia-Marzo, dopo l’anticipo del Fondo Solidarietà Comuni, già incassato, sono arrivate le prime circolari ministeriali che quantificano le ripartizioni dei fondi per i Comuni. Al momento sono arrivate le risorse che fanno riferimento agli articoli 114 e 115, rispettivamente per gli straordinari e dotazioni di Polizia locale e per il concorso al finanziamento delle spese di sanificazione e disinfezione degli uffici, degli ambienti e dei mezzi: nel complesso sono circa 280mila euro. Il Comune di Modena parteciperà poi al bando regionale di sostegno allo smart working degli enti locali che finanzia progetti fino ad un massimo di 150mila euro, un provvedimento che risponde ad una primissima istanza di aiuto per la riorganizzazione del lavoro all’interno dell’ente.

“Il tema della riorganizzazione del lavoro nella Pubblica Amministrazione dopo la fase di attraverso modalità digitali e decentrate, sarà infatti cruciale emergenza – ha affermato il sindaco – e varrà per tutti i livelli: nazionale e locale. Per gestire l’emergenza il Comune di Modena ha ricorso in fretta all’utilizzo massiccio dello smart working. Ad oggi i dipendenti comunali che svolgono il lavoro in modalità “agile” sono circa 900, ovvero il 60% del personale complessivo del Comune e tale modalità ha riguardato trasversalmente tutti i settori e i diversi profili professionali ad eccezione delle figure la cui presenza fisica è correlata alla tipologia di mansione, come gli operatori della Polizia locale, del pronto intervento e manutenzione e dei Servizi sociali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La risposta alla situazione contingente è stata rapida ed efficace ed ha coinvolto un numero significativo di persone. Nel mese di marzo lavoravano negli uffici 667 persone (42,65% del totale) mentre erano impegnate da casa ben 897 persone (57,35% del totale). Lo si è potuto fare grazie all’incremento delle dotazioni informatiche e il collegamento da remoto tramite Vpn che consente al personale di accedere a tutte le procedure e alle banche dati dell’Ente, nonché le piattaforme per le video riunioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

  • Addio a Maria Lucia Matteo, stimata ginecologa di Carpi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento