"RespiriaMo Aria pulita Modena", nasce alla Madonnina un comitato di cittadini

Un gruppo di genitori e residenti si coalizza con l'obiettivo di sensibilizzare le Istituzioni che governano il territorio modenese sulla necessità di adottare politiche forti di contrasto all’inquinamento dell’aria sempre più malata. Nel mirino le emissioni delle Fonderie cooperative

Era “nell’aria” già da qualche settimana, ma ora è ufficiale: nasce un comitato di cittadini modenesi dal nome “RespiriaMO Aria pulita Modena” con l’intento di accelerare le decisioni in merito all’adozione di politiche forti di contrasto all’inquinamento dell’aria nel nostro territorio. Sviluppatosi dall’azione propulsiva di un gruppo di residenti dell’area attorno ai quartieri Madonnina e Villaggio Artigiano, il neonato comitato sta allargando la propria azione aggregando anche altre zone del tessuto urbano modenese, dimostrando come l’attenzione alla qualità dell’aria sia un tema piuttosto sentito in maniera trasversale.

I fondatori del comitato, che vede aumentare ogni giorno il numero di partecipanti, spiegano le finalità: “Siamo dell’idea che il dibattito sul tema dell’inquinamento non possa più essere rimandato. A partire dal trasloco delle attività industriali pesanti fuori dal centro città. Attività come quella svolta dalle Fonderie cooperative di Via Zarlati, in zona Emilio Po, non sono più tollerabili in mezzo alle abitazioni. Tanto più in un contesto, come quello della pianura padana, in cui notoriamente una concausa di fattori ambientali porta ad un ristagno delle emissioni inquinanti. Per quanto riguarda le Fonderie Cooperative si parla di fusione di ghisa anche attraverso l’utilizzo di forni a carbone: come è possibile che non vengano delocalizzate attività di fusione in zone idonee – lontano dalle abitazioni - come fatto, ad esempio, in tutta la Toscana già dieci anni fa?”

I residenti della zona attorno al Villaggio Artigiano e Madonnina, da anni lamentano problemi respiratori, tosse, nausea, bruciori agli occhi che trovano riscontro in evidenti depositi di polvere metallica su automobili e davanzali. Nonostante le continue richieste di intervento degli Enti preposti alla tutela della salute pubblica, ad oggi la fonderia resta dov’è nata quasi settant’anni fa, in un contesto totalmente mutato nel tempo. 

Le amministrazioni che precedono quella attuale hanno decantato il trasloco di attività come quella della fonderia di via Zarlati in tempi brevi già tra gli anni Novanta e Duemila, senza però che le parole diventassero realtà. Pochi giorni fa, tuttavia, è arrivato l'annuncio della prossima chiusura dell'impianto in questione nel 2022, quando scadrà l'Autorizzazione integrata ambientale. 

I residenti della zona di Via Uccelliera e via Don Zeno Saltini aggiungono: “Nei momenti di maggiore intensità dei fumi della fonderia siamo costretti a chiuderci in casa. È frequente vedere il parco vuoto in certe ore del giorno e della sera, in corrispondenza di esalazioni particolarmente irritanti. Le ultime case costruite a meno di ottanta metri dalla fonderia sono state vendute con la promessa di un trasloco delle attività industriali pesanti entro 1-2 anni. Ed era il 2008. Il progetto di riqualificazione della zona ovest di Modena ha visto la dismissione della linea ferroviaria, ma del progetto di riqualificazione della zona del Villaggio Artigiano non c’è traccia. Chi di dovere abbia il coraggio di mettere per iscritto che quelle emissioni non costituiscono danno per la salute pubblica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Si cappotta con l'auto lungo la Circondariale, muore un giovane a Fiorano

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento