menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Coronavirus agita l'insediamento dell'Assemblea Legislativa, opposizione all'attacco

Bongonzoni accusa Bonaccini per la decisone di non discutere in aula del'emergenza sanitaria. Anche Sgarbi accusa la Regione: "Misure eccessive"

Centrodestra all'attacco sul coronavirus nella prima seduta di Assemblea legislativa in Emilia-Romagna. E protagonisti sono Lucia Borgonzoni e Vittorio Sgarbi, i due neo-consiglieri che potrebbero a breve rinunciare (hanno 60 giorni per farlo) all'incarico in favore dei loro seggi in Parlamento. "Non lo so, non ho ancora deciso, mi piacerebbe che mi faceste, tra virgolette, godere della prima seduta d'aula", ha risposto Borgonzoni ai cronisti sulla sua scelta.

Componente "transitorio" dell'Assemblea si è definito Sgarbi, che pero' ha acceso i fuochi, chiedendo la parola in aula sulle "misure eccessive e intollerabili" assunte per fermare l'epidemia del coronavirus. "Sono convinto questa emergenza non ci sia.
Sbagliato chiedere le scuole e tenere aperti i centri anziani", afferma il critico d'arte. 

Dai banchi della Lega è venuta la richiesta di un vertice dei capigruppo per organizzare una discussione sull'argomento. Ma questo potrà avvenire solo alla "prima assemblea utile", ha frenato la capoguppo Pd del nuovo corso Marcella Zappaterra. "Sappiamo che il presidente Bonaccini era disponibile a fare una informativa ma un dibattito avrebbe comportato tempi lunghi", spiega ancora Zappaterra. Per l'insediamento, infatti, era prevista solo la mattinata di votazioni su presidenza dell'Assemblea e ufficio di presidenza. Ma a quel punto è andata all'attacco sul dibattito da fare subito la leghista Borgonzoni, rintuzzata pero' dalla neo-presidente del 'palamentino' Emma Petitti: "Accogliamo la convocazione dell'ufficio di presidenza, ma l'accordo politico era quello di rimandare", ricorda la dem.

Fuori dell'aula la senatrice ex candidata del centrodestra punta allora il dito contro il governatore Stefano Bonaccini: "Ha deciso di non parlare più di una questione veramente seria della nostra regione per non dare parola all'opposizione. Spero sia solo uno scivolone e non si inizi cosi'". La preoccupazione del Pd, accusa Borgonzoni, "era non stare in aula fino alle 18. Ma abbiamo aziende che rischiano di fallire, persone malate e una situazione da riprendere in mano. La gente è spaventata e ha bisogno di risposte. Questa è una occasione persa". 

Bonaccini stempera. "Borgonzoni? Non mi ha accusato di nulla perchè hanno deciso di capigruppo prima di cominciare", risponde il governatore lasciando l'aula. "Se c'è qualcuno che non è mai sfuggito ad un dibattito è il sottoscritto", sottolinea. Comunque "si discuterà di coronavirus il prima possibile". La decisione uscirà dalla conferenza dei capigruppo.

(DIRE)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni anti-Covid, si apre la prenotazione per i 60-64enni

Attualità

Appena 39 casi oggi nel modenese, scendono i casi attivi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Mezzo agricolo si ribalta, muore un agricoltore a Pavullo

  • Attualità

    Contagio, 113 casi in provincia. Tre decessi e tre ricoveri

  • Cronaca

    Oltre un chilo di droga e una pisola clandestina, 44enne in manette

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento