Nomine Sanità, a Modena approdano Annicchiarico e Trenti

Girandola ai vertici della sanità regionale. Nuovi direttori di Ausl e Azienda Policlinico saranno rispettivamente Massimo Annicchiarico e Ivan Trenti. La Petrapoulacos promossa alla Direzione Generale in Regione

Nuovi direttori generali per le Aziende del Servizio sanitario regionale. La Giunta regionale ha adottato oggi le delibere di designazione dei quattordici manager (cinque le donne) che guideranno per i prossimi cinque anni le Ausl e le Aziende ospedaliere del sistema sanitario regionale.

A Modena il posto di Mariella Martini alla guida dell'Ausl è stato affidato al dott. Massimo Annicchiarico, che ha così lasciato l'Ospedale Maggiore di Bologna. Sull'altro fronte invece, quello dell'Azienda Ospedaliero Universitaria, il posto di Kyriakoula Petropulacos sarà occupato dal dott. Ivan Trenti, modenese, già Direttore a Reggio Emilia.

“Voglio innanzitutto ringraziare i precedenti responsabili delle direzioni aziendali per il loro lavoro – spiega il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini - fondamentale in questi anni per la tenuta della qualità dei servizi a fronte di varie difficoltà, a cominciare dal terremoto. La scelta dei nuovi direttori generali è uno dei traguardi che avevo indicato nei primi 100 giorni di governo. Ogni nuovo direttore è stato scelto in un rapporto di dialogo aperto con istituzioni locali e rappresentanze territoriali. Aver raggiunto questo risultato in anticipo – aggiunge Bonaccini - lavorando bene, rapidamente, premiando competenze con una giusta dose di rinnovamento, è un ottimo presupposto per il futuro del Servizio sanitario di questa regione, ovvero per migliorare sempre più le risposte ai bisogni di salute come ci chiedono i cittadini”.

Inoltre, dopo aver acquisito il parere della Commissione Bilancio, affari generali e istituzionali dell'Assemblea legislativa regionale, verranno nominati anche il nuovo direttore generale della Direzione Sanità e politiche sociali e il direttore dell'Agenzia sanitaria e sociale regionale: i nomi proposti dalla Giunta per i due incarichi sono rispettivamente quelli di Kyriakoula Petropulacos e di Maria Isa Moro.

Massimo Annicchiarico è nato a Taranto nel 1958. Si è laureato in medicina e chirurgia presso l’Università degli Studi di Bologna e successivamente specializzato in Medicina Interna e in Cardiologia. Dal 2008 ad oggi è stato direttore sanitario dell’Azienda Usl di Bologna e direttore sanitario dell’IRCCS delle Scienze Neurologiche dell’Azienda Usl di Bologna. E’ stato vice-direttore sanitario per l’Area Ospedaliera dell’Azienda Usl di Bologna dal 2006 al 2008. In precedenza ha diretto l’Unità operativa di Pronto soccorso e Medicina d’Urgenza dell’Ospedale Maggiore di Bologna. Va a ricoprire l’incarico di direttore generale dell’Azienda Usl di Modena

Ivan Trenti, classe 1955, è nato a Modena dove si è laureato in giurisprudenza, Successivamente ha conseguito la laurea in scienze politiche presso l’Università di Bologna e una specializzazione in organizzazione e direzione, sociologia sanitaria, diritto sanitario. Dal 2005 è direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia. In passato, dal 2002 al 2005, ha ricoperto la carica di direttore generale dell’Azienda Usl di Imola e prima ancora, dal 1999 al 2002, la carica di direttore amministrativo dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia. Va a ricoprire l’incarico di direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

  • Coronavirus, raggiunta quota 47 contagi in regione. A Modena sono 8 gli ammalati

Torna su
ModenaToday è in caricamento