Nuovi manifesti contro i matrimoni gay, ancora bufera su Giovanardi

In città compare una versione modificata dei cartelloni che avevano fatto discutere nei mesi passati, con tanto di atti vandalici e minacce di querele. Il messaggio non cambia, così come la condanna degli avversari politici verso Area Popolare

Sulle plance della città dedicate alle pubbliche affissioni ricompaiono i manifesti contro matrimoni gay ed adozioni, rilanciati dal gruppo del senatore Carlo Giovanardi, uscito dal Nuovo Centrodestra e quindi sotto l'egida di Area Popolare. Non è certo una novità, bensì una versione riveduta e corretta della campagna di affissioni già realizzata lo scorso maggio, che oggi come allora è inevitabilmente destinata a sollevare un polverone mediatico.

In primavera i manifesti erano stato bersaglio di critiche da parte della sinistra e del centrosinistra, nonchè di atti vandalici – come quello pubblicamente rivendicato da una mamma modenese – accendendo il dibattito in città. Non solo. Anche all'estero era rimbalzata l'eco dell'iniziativa dei giovanardiani, a causa dell'utilizzo improprio che si faceva dell'immagine dell'artista tedesco Robert Kneschke, che aveva minacciato querela.

I due papà che spingevano un passeggino con bebè sono quindi spariti dalla nuova grafica, decisamente più retro. I manifesti presentano infatti l'immagine – altrettanto provocatoria – di un'asta di schiavi neri negli Stati Uniti, con un rimando nel testo alla compravendita di bambini, con chiaro riferimento ai discussi temi della stp-child adoption da parte di coppie omosessuali.

Non appena i manifesti sono stati affissi negli spazi del Comune di Modena, è giunta la condanna da parte del Partito Democratico, affidata all'on. Giuditta Pini: "I manifesti affissi oggi nel Comune di Modena firmati dal gruppo consiliare di Area Popolare sono qualificabili con un solo aggettivo: ignobili. Si tratta di manifesti che tendono a seminare l'odio, a favorire la disinformazione al solo fine di cercare una visibilità mediatica del tutto inutile. Da una forza politica come Area popolare non ci si poteva aspettare davvero tutto ciò e penso che il gruppo comunale dovrebbe senza indugio chiedere scusa per un tale atteggiamento. Viviamo in una fase davvero difficile, piena di tensioni in cui è davvero poco utile suscitare paure che non hanno ragione di esistere. Bisognerebbe contribuire ad una discussione serena che non fomenti l'odio e l'integralismo. Questo manifesto va in direzione esattamente opposta. Colgo l'occasione per ribadire l'impegno formale del Partito democratico per arrivare al più presto al traguardo dell'approvazione della legge sulle unioni civili."
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento