Domenica, 19 Settembre 2021
Politica Caduti in Guerra / Viale Martiri della Libertà, 34

Telecamere in nuove zone della città, firmato il patto per accedere ai fondi statali

Oggi la firma in Prefettura dell'accordo tra Comune di Modena e Governo. L'ampliamento prevede l'attivazione di nuovi occhi elettronici nei quartieri sud, a Sant'Anna e nella zona industriale nord

La mappa delle telcamere

Completati i lavori di infrastrutturazione, nei giorni scorsi sono state infatti installate due telecamere in via Viterbo (all'ingresso e nel parcheggio del centro civico Le Torri) e altre sei nella zona di corso Canalchiaro fino a piazza Grande: in particolare tra corso Canalchiaro/via Balugola, Canalchiaro/piazzale S. Francesco, via S. Giacomo/via Stella, piazzale Torti e, per sorvegliare il sito Unesco, all’angolo piazza Grande/Canalchiaro e tra la piazza e il palazzo comunale.

Le ulteriori sette telecamere che a breve saranno collegate alle centrali operative delle Forze dell’ordine sono situate presso cinque portali appena ultimati (portandoli complessivamente a 13), in particolare tra via La Marmora/rotatoria via delle Suore, via Gobetti/piazza Manzoni, via Emilia est/via del Pozzo, via Vignolese, via Giardini all’altezza del cavalcavia delle scuole Guidotti. In ogni portale, infatti, vi sono telecamere Ocr afferenti al sistema Scntt che si interfaccerà alle banche dati nazionali e telecamere cosiddette “di contesto”, collegate alla videosorveglianza cittadina: le telecamere Ocr (Optical Character Recognition) sono attualmente 19, di cui 12 in funzione e 7 lo saranno a breve.

Con le risorse stanziate dal Comune per il 2018, nel corso di quest’anno il sistema di videosorveglianza cittadino sarà ulteriormente potenziato con 16 telecamere. Entro l’autunno ne saranno cioè installate due nella zona di Novi Sad e una in via Toniolo. Altre due sono previste in via Taglio e due in piazza Mazzini nell’ambito dei lavori di riqualificazione. Nella zona del Tribunale di corso Canalgrande e nelle vie Gherardesca e Modonella, a protezione degli accessi degli edifici di pertinenza sono previsti nove telecamere. Complessivamente entro l’anno saranno quindi collegate alla rete di videosorveglianza ulteriori 16 telecamere per un totale di più di 220 telecamere e saranno completati i lavori per portare la Banda Ultra Larga nella frazione di Albareto dove sono previsti due portali in entrata e uscita.

L’ulteriore sviluppo della videosorveglianza prevede inoltre un potenziamento nell’area nord della città grazie alle risorse stanziate dalla Presidenza del Consiglio attraverso il Progetto periferie: una ventina le telecamere previste nel progetto dell’Amministrazione comunale nell’ambito della riqualificazione della zona intorno a via Canaletto.

L’accordo consente di poter accedere ai finanziamenti decisi dal Governo Gentiloni, attraverso la legge n. 48 del 2017. In particolare, il progetto per il quale il Comune di Modena, attraverso la partecipazione al bando del Ministro dell'Interno, avanza la richiesta di finanziamenti riguarda l’estensione della videosorveglianza nell’area sud (compresa nel perimetro tra via Giardini, strada Contrada, strada Gherbella, via Vignolese e Emilia Est) attualmente priva di infrastrutture idonee e nella zona Sant’Anna a nord della città.

Complessivamente si tratta di 21 siti per un totale di circa 35 telecamere. Dei 21 siti previsti, sette sono portali per la lettura targhe che prevedono anche l’installazione di telecamere di videosorveglianza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Telecamere in nuove zone della città, firmato il patto per accedere ai fondi statali

ModenaToday è in caricamento