Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Un Piano da 9,5 milioni per continuare gli interventi dopo il maltempo, l'emergenza neve e gelicidio

Finanziati 81 interventi nelle province di Reggio Emilia, Modena, Bologna, Forlì-Cesena, Rimini, Piacenza, Parma e Ravenna. Oltre 5 milioni e mezzo di euro per opere su strade, viabilità, argini e fiumi. Altri 3 milioni 479mila euro di contributi ai Comuni per le spese eccezionali dovute alle nevicate. L'assessore Gazzolo: "Piano condiviso con i territori"

Un pacchetto di 81 interventi di protezione civile da oltre 5 milioni e mezzo in una sessantina di Comuni per riaprire e ripristinare la viabilità locale e provinciale, ricostruire difese spondali, evitare l’isolamento di centri abitati, garantire la sicurezza di corsi d'acqua e versanti nelle province colpite dall’emergenza maltempo di febbraio e marzo: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini. E contributi ai comuni dell’Appennino emiliano-romagnolo per più di 3 milioni 400 mila euro destinati a coprire parte delle spese eccezionaliper la gestione della neve caduta tra febbraio e marzo.

Vale 9 milioni e mezzo di euro il Piano messo a punto dalla Regione percontinuare le opere di sicurezza del territorio dopo le piogge, le nevicate e il gelicidio dei mesi scorsi.

Lo haapprovato il Presidente Bonaccini con un proprio decreto dopo il via libera - arrivato nei giorni scorsi dal Dipartimento nazionale di Protezione Civile - all'uso delle risorse rese disponibili dal Governo Gentiloni con la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.

Siaggiungono ai due milioni stanziati dalla Giunta regionale immediatamente dopo gli eventi.

“Con i 9 milioni e mezzo di euro assegnati all’Emilia-Romagna dal precedente Governo, la Regione ha predisposto un Piano per dare risposte concrete ai Comuni e alle comunità colpite dalle conseguenze delle precipitazioni abbondanti di febbraio e marzo- spiega Paola Gazzolo, assessore regionale all’Ambiente -. Un Piano condiviso con i territori che permetterà di assicurare un’importante boccata d’ossigeno ai bilanci degli enti locali, a fronte delle spese eccezionali legate alla rimozione della neve, e di rispondere alle principali criticità aperte con opere e lavori indispensabili per la sicurezza di chi vive e lavora in particolare in Appennino”. “Quelli programmati sono interventi urgenti e non rimandabili. Ora – conclude Gazzolo - attendiamo dal nuovo Governo un ulteriore provvedimento che stanzi altre risorse per continuare la messa in sicurezza di corsi d’acqua e versanti. La Regione è già al lavoro, con i Comuni e tutti gli enti competenti per la difesa del suolo, per definire l'ammontare della richiesta, come prevede il Codice di protezione civile entrato in vigore a inizio anno”.

Nel modenese gli interventi sono 12(Fanano, Frassinoro, Lama Mocogno, Marano sul Panaro, Montefiorino, Montese, Palagano, Prignano sulla Secchia, Sestola, Vignola, Pavullo nel Frignano) per complessivi 845mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un Piano da 9,5 milioni per continuare gli interventi dopo il maltempo, l'emergenza neve e gelicidio

ModenaToday è in caricamento