rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Politica San Cesario sul Panaro

Epurazione, la Regione scagiona Legambiente. Piccinini va in Procura

Proseguono i veleni sul caso del circolo di Legambiente di San Cesario sul Panaro. La consigliera comunale Sabina Piccinini aveva interrogato la Regione, che tuttavia non ha ravvisato anomali sulla condotta dell'associazione

Domani a Bologna si terrà il congresso di Legambiente Emilia-Romagna chiamata a eleggere i suoi nuovi vertici per i prossimi quattro anni. Ma "avrà il coraggio di ripresentarsi quel gruppo dirigente che ha epurato un circolo e ora si ritrova con un esposto in Procura?". Se lo chiede Sabina Piccinini, ex presidente dell'ex circolo Legambiente di San Cesario sul Panaro. Già presidente del circolo e tuttora consigliera comunale a San Cesario per la lista civica "Nuovo San Cesario", Piccinini ha saputo mesi fa dai vertici nazionali dell'associazione che i suoi incarichi erano incompatibili tra loro e che, quindi, la sezione in questione andava chiusa. Seguì un esposto inoltrato da Piccinini stessa in regione. 

Dopo gli ultimi sviluppi, la diretta interessata torna oggi alla carica segnalando che "si è conclusa nel peggiore dei modi l'indagine sull'operato dei vertici di Legambiente Emilia-Romagna, responsabili di aver cacciato dall'associazione decine di iscritti solo perchè appartenenti" allo stesso circolo di San Cesario.

Secondo la consigliera comunale, il problema di incompatibilità delle cariche non sta in piedi in quanto lo statuto dell'associazione prevede l'incompatibilità solo per la carica di sindaco o assessore. "Per la regione invece, va bene cosi'. Come se nulla fosse, Legambiente Emilia-Romagna continua ad essere un'associazione democratica ed in virtu' della 'democraticità' dimostrata, puo' tranquillamente beneficiare di contributi pubblici per decine di migliaia di euro", punge in una nota Piccinini. Che dunque conclude: "Una decisione inaccettabile, ma non finisce qui. Un esposto è già stato presentato presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Modena ed ora, al pari dei i vertici regionali e nazionali di Legambiente, anche i funzionari della Regione dovranno rispondere del loro operato". 

(DIRE)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epurazione, la Regione scagiona Legambiente. Piccinini va in Procura

ModenaToday è in caricamento