Profughi in arrivo anche a Montecreto? "Valutiamo, ma nessun accordo"

Si accende la polemica nel paesino della montagna modenese, con il sindaco Leandro Bonucchi che replica alle accuse mosse da Forza Italia Giovani. Nessuna imposizione da parte della Prefettura, si valuta l'adesione del Comune allo SPRAR

L'Amministrazione Comunale di Montecreto, guidata dal sindaco Leandro Bonucchi, interviene oggi con una nota per fare chiarezza sulla possibile accoglienza i persone richiedenti asilo nel territorio montano. Lo fa in replica alle dichiarazioni di Forza Italia Giovani, che aveva sollecitato chiarimenti sulla questione a seguito dell'assemblea pubblica dello scorso 5 dicembre, quando era emerso il tema.

In quella situazione il primo cittadino aveva spiegato che il Comune di Montecreto stia vagliando l’ipotesi di intraprendere una delle alternative che reputa più gestibile e controllata, in base alle risorse di personale e infrastrutture di cui l’Amministrazione dispone. Valentina Mazzacurati, portavoce dei giovani berlusconiani, era intervenuta a mezzo stampa per condannare l'eventualità dell'accoglienza, sottolineando come “i sindaci davvero intenzionati a tutelare la qualità della vita dei propri cittadini, che specialmente nei piccoli paesi verrebbe messa a repentaglio dall’arrivo in massa di profughi, stanno combattendo una strenua battaglia contro tentativi di imposizione”.

Bonucchi ha risposto apertamente: “Sono state fatte a cuor leggero dichiarazioni pesanti e infondate, perché durante l’Assemblea pubblica non ho mai detto di essere stato obbligato dalla Prefettura all’accoglienza, né abbiamo segretamente preso accordi: se è vero che stiamo valutando quale ipotesi possa essere gestita al meglio, per fare fronte a un problema reale che coinvolge tutto lo Stato italiano, è altrettanto vero che non è stata siglata alcuna convenzione al giorno d’oggi".

Attualmente, in definitiva, il Comune sta solamente valutando l’adesione alla convenzione SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), nell’ambito dell'affidamento dei servizi di gestione amministrativa, assistenza generica alla persona, pulizia ed igiene ambientale delle strutture di accoglienza, erogazione dei pasti, fornitura di beni di prima necessità, nonché dei servizi per l'integrazione sociale. Tale progetto garantirebbe il controllo totale dell’operazione di inserimento, permettendo all’Amministrazione di gestire, su tutta l’area comunale, le variabili relative al numero di ospiti, la loro locazione, l’inserimento in progetti di volontariato utile alla comunità ed eventuali progetti di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento