La proposta della Lega: "Nonni a scuola per insegnare dialetto e tradizioni"

Un documento collegato alla Legge di Bilancio chiede fondi per insegnamenti specifici nelle scuole elementari

Chi, meglio dei nostri nonni, potrebbe essere più efficace nell'insegnarci la nostra storia e le nostre tradizioni? E quale strumento migliore per veicolare nella maniera più efficace e naturale il “mos maiorum” se non l'utilizzo del dialetto? E' questo il pensiero della Lega Nord in Emilia-Romagna: il gruppo consigiare del Carroccio ha infatti presentato la proposta di far salire nelle cattedre delle scuole emiliano-romagnole i nostri nonni. Lo prevede un ordine del giorno collegato alla Legge di Bilancio, a prima firma del consigliere Matteo Rancan, che impegna la Giunta a prevedere le risorse necessarie per l’insegnamento del dialetto e delle tradizioni locali nelle scuole primarie di tutto il territorio regionale.

“Un modo per non perdere le nostre tradizioni, favorire l'invecchiamento attivo e lo scambio intergenerazionale – spiegano i leghisti, che aggiungono - Nel 2015 anche l’Unesco ha inserito l’emiliano e il romagnolo come due lingue distinte e meritevoli di tutela. E proprio l’Unesco ha denunciato che il 90% delle lingue europee è a rischio di estinzione. In particolar modo, il dialetto emiliano e quello romagnolo risultano essere lingue “sicuramente in via di estinzione”, in quanto sono principalmente le generazioni più anziane e non le nuove generazioni a parlarle”.

"La conservazione dei dialetti contribuisce alla comprensione dell’ambiente in cui si vive, alla formazione del senso di cittadinanza e di appartenenza della popolazione locale e favorisce la memoria storica. Inoltre, sviluppa un senso di identità collettiva. Il dialetto porta con sé un patrimonio fondamentale basato su valori ed esperienze della comunità che lo parla e costituisce un solido collante sociale e culturale” sottolineano gli esponenti leghisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già alcuni anni fa, grazie alla Legge Regionale 18 luglio 2014 n. 16 “Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia – Romagna”, l'ente di viale Aldo Moro si è già attivato per favorire il riconoscimento e lo sviluppo delle identità culturali e delle tradizioni storiche delle comunità residenti nel territorio regionale. E lo ha fatto anche istituendo il Comitato scientifico per la salvaguardia, la valorizzazione e la trasmissione dei dialetti dell’Emilia – Romagna, che ha il compito di presentare annualmente una relazione sulle attività svolte e sui risultati raggiunti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

Torna su
ModenaToday è in caricamento