Primarie centrosinistra, Sel si chiama fuori: "Non partecipiamo"

L'annuncio di Cristian Favarin e Giuseppe Morrone: "Regolamento primarie dettato più dalle esigenze interne del Pd che da un vero spirito di coalizion"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

L'assemblea delle iscritte e degli iscritti di SEL del Circolo di Modena, nel ribadire la collocazione del nostro partito nel centrosinistra come forza di governo e di innovazione, decide di non partecipare alle primarie per l'individuazione del candidato sindaco del comune capoluogo alle prossime elezioni amministrative, per come queste specifiche primarie si vanno configurando, con candidati tutti del PD e con un regolamento dettato più dalle esigenze interne di quel partito che da un vero spirito di coalizione.

Questo non vuol dire rompere la coalizione progressista per Modena città, bensì rilanciare un'iniziativa politica diffusa per mettere SEL a disposizione della costruzione di un progetto civico, aperto e autorevole, che si muova nell'ambito della sinistra di governo - senza rinchiudere quindi la nostra prospettiva nel fortino della testimonianza e dell'ininfluenza - e spostare il confronto programmatico con il PD, e i suoi esiti in vista delle elezioni, più avanti, sempre pronti al dialogo su idee e progetti al servizio della città come ci è stato sollecitato in diversi appelli negli ultimi giorni; su questi propositi registriamo una significativa convergenza con le posizioni espresse, recentemente e pubblicamente, da Adriana Querzè e Donato Pivanti nonché da altri esponenti di primo piano della nostra città.

SEL, in queste settimane, ha lavorato per giungere ad una candidatura rappresentativa della coalizione progressista, ma la scelta del PD è stata quella di procedere ad un metodo che finisce per esaltare una competizione muscolare e polarizzata tra due diverse anime e concezioni del PD stesso (la sfida Maletti-Muzzarelli), che non lascia spazio ad altre soluzioni capaci di intercettare la profonda insoddisfazione che ha attraversato Modena in questi anni.

Una scelta di metodo che non abbiamo condiviso e che ci fa optare per una non partecipazione a queste primarie. Detto questo su Modena città, riteniamo che i lavori in corso ai tavoli provinciali tra le forze politiche del centrosinistra (a partire dal PD) vadano conclusi in tempi brevi al fine di consentire in ognuno degli altri 36 comuni chiamati al voto (oltre Modena) di avviare, laddove lo si ritenga opportuno, la discussione e auspicabilmente le intese di coalizione (primarie comprese).

Torna su
ModenaToday è in caricamento