Attentato incendiario, anche Prefetto e Procuratore condannano il gesto

La Procura conferma l'apertura dell'inchiesta contro ignoti, mentre la Digos prosegue il suo lavoro. Musti: "Non vedo nulla di politico in tutto questo, atto molto grave di chi non sa portare argomenti"

"La Procura vede con assoluta preoccupazione il gravissimo incendio che si è verificato questa notte per mano ignota. Sarà aperta un'indagine contro ignoti e come sempre la Procura farà il proprio dovere". Lo dice il procuratore capo di Modena, Lucia Musti, a proposito dell'incendio di questa notte in città al circolo di destra "La terra dei padri". 

Sull'atto, considerato con ogni probabilità doloso, Musti, interpellata in Prefettura a margine della firma dei nuovi accordi tra Istituzioni e autorità per "Modena sicura", continua: "Come tutti gli episodi di questo tipo, si tratta di una vile aggressione alla quale forse si vuole dare un significato politico, ma io non vedo nulla di politico in tutto questo. È soltanto- evidenza il procuratore- un atto molto grave, di intolleranza, di gente che non sa discutere e portare argomenti".

Anche il prefetto Maria Patrizia Paba commenta, pur ragionando in ottica generale: "Formulo la più ferma condanna per ogni episodio di discriminazione e intolleranza nel nostro territorio". Sul fatto specifico, prosegue il prefetto, "stanno ovviamente indagando le forze dell'ordine sotto la guida dell'Autorità giudiziaria, saranno loro a individuare le cause".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro alle porte di Pavullo, muore in auto un ragazzo di 19 anni

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Carnevale 2020, tutti gli appuntamenti di Modena e provincia

  • Manovre scorrette alla guida, parte la campagna di controlli della Municipale

  • Richiesta di concordato preventivo per la Goldoni Arbos, scatta lo sciopero

  • Rientrato il 29enne di Finale Emilia, ricerche sospese

Torna su
ModenaToday è in caricamento