rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Politica Ponte Alto / Via G. B. Marino

Nel capannone del rave party il progetto di un kartodromo mai decollato. Il futuro è un'incognita

L’assessora Vandelli ha risposto all’interrogazione di Giacobazzi (FI) sul futuro del capannone a Modena nord occupato lo scorso ottobre, auspicando la trasformazione in una "vetrina" per le eccellenze del territorio o in un distributore di idrogeno

Nella seduta del Consiglio Comunale di oggi si è tornati parlare del rave party di Halloween. L'occasione è stata la discussione dell’interrogazione di Piergiulio Giacobazzi (Forza Italia) sul capannone di proprietà della famiglia Bompani a Modena nord, immaginando una possibile trasformazione dello spazio occupato a fine ottobre scorso. Il consigliere ha chiesto, in particolare, se il Comune è in contatto con l’attuale proprietà dell’immobile, quali siano le sue intenzioni per il futuro del complesso e “se corrisponda al vero che l’attuale proprietà abbia già proposto all’Amministrazione in più occasioni progetti per il recupero dell’area e, in caso di risposta affermativa, quali siano state le risposte del Comune e come mai la situazione sia in ‘stallo’”.

L’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli, dopo aver sottolineato che “i privati devono evitare di lasciare abbandonato, incustodito e accessibile il proprio patrimonio”, ha spiegato che comunque la proprietà ha adempiuto all’ordinanza comunale con la quale, dopo l’occupazione abusiva, è stata imposta la “delimitazione dell’area per impedire l’accesso da parte di estranei”.

Vandelli ha poi precisato che l’Amministrazione è in contatto con tutti i privati proprietari e che, nonostante i carichi importanti che gravano sullo sportello per l’edilizia (“il 2022 si è concluso con oltre 5000 pratiche, raddoppiando la media degli ultimi otto anni”), è sempre disponibile al confronto e a istruire pratiche su eventuali progetti che vengono presentati. “Nel caso specifico – ha proseguito facendo riferimento a una serie di illustrazioni mostrate in Consiglio dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli – sul comparto la proprietà in passato aveva presentato un’ipotesi di grande interesse, cioè la realizzazione all’interno del capannone di un kartodromo per kart elettrici, all’interno della filiera dell’automotive. Ci siamo detti disponibili a valutare il progetto con lo strumento della deroga – ha aggiunto – fermo restando l’esito del voto del Consiglio, i necessari studi di sostenibilità e il contributo alla collettività in termini di costi di urbanizzazione dell’area, ma l’operazione non è partita perché la proprietà non ha raggiunto un accordo con il fondo di investimento”.

L’assessora ha quindi ricordato che “la trasformazione di un’area agricola, come in questo caso, a funzioni di altra natura, è una trasformazione complessa ed è sempre previsto un contributo straordinario. Le aree agricole non concorrono nemmeno alla città pubblica e nel momento in cui si chiede una trasformazione in territorio urbanizzato è prevista una valorizzazione che tenga conto di questi aspetti”.

L’ultimo contatto con la società, ha detto ancora l’assessora, “riguarda un’osservazione al Pug che la proprietà ha presentato: chiedeva di far rientrare l’area dentro il territorio urbanizzato e di qualificarla già come tessuto direzionale-ricreativo. L’osservazione è stata parzialmente accolta – ha precisato – riconoscendo la necessità di riqualificare l’edificio, senza però poterlo far rientrare in automatico nel territorio urbanizzato”.

Passando sul piano dei desiderata personali, Vandelli ha aggiunto che il capannone in questione è “in una posizione di grande di visibilità e potrebbe essere una vetrina straordinaria per i servizi alla mobilità, come ad esempio un distributore di idrogeno o altri interventi nel settore, oppure per l’agroalimentare, una delle eccellenze del territorio, anche con uno spazio di produzione agricola”.

Intervenendo per il Pd dopo la trasformazione in interpellanza, Stefano Manicardi ha sottolineato “l’importanza di mettere in campo piani e interventi di sviluppo per strutture inutilizzate come questa”. Il consigliere ha espresso apprezzamento per il progetto inizialmente ipotizzato dalla proprietà e ha sottolineato che “quando verrà avviato un progetto di trasformazione, ci saranno vari temi da affrontare riguardo a quest’area, come ad esempio la necessità di rivedere i bisogni legati alla viabilità”.

In replica, il consigliere Giacobazzi ha precisato che obiettivi dell’interrogazione erano “fare luce sulle difficoltà che incontrano alcuni imprenditori a ricevere risposte dagli uffici comunali” e mettere l’accento sul fatto che “l’occupazione abusiva e il rave hanno messo a rischio tante persone, visto lo stato psicofisico dei soggetti coinvolti, situazione risolta solo grazie alle capacità delle forze dell’ordine e all’intervento del Governo”. Un'osservazione alla quale l'assessora Vandelli ha replicato invitando a non criminalizzare i partecipanti all'iniziativa, pur sicuramente sbagliata, e ricordando che alla soluzione si è arrivati grazie al buon lavoro delle forze dell’ordine e delle istituzioni modenesi, senza la necessità di prove di forza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel capannone del rave party il progetto di un kartodromo mai decollato. Il futuro è un'incognita

ModenaToday è in caricamento