rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Politica San Cataldo / Via Jacopone da Todi, 50

Chiude l'asilo nido Todi, proteste e sit-in a sinistra

Ieri pomeriggio presidio di "Per me Modena" in via Jacopone da Todi, di fronte al nido che chiuderà i battenti. Una manifestazione per chiedere più risorse e un rilancio del sistema di iscrizione

I piani del Comune di Modena in materia di servizi all'infanzia prevedono un taglio ai posti degli asili nido: come primo risultato si avrà la chiusura del nido “Todi”, la storica struttura della Madonnina che ha rappresentato per decenni un modello educativo, tra i primi in Italia. Una decisione che ha scatenato la protesta dell'ex assessore all'istruzione Adriana Querzè e del suo gruppo Per me Modena, che ieri si è radunato di fronte alla struttura di via Jacopone da Todi per protestare.

“Qui non si tratta solo di rammarico – sottolinea il Gruppo per me Modena – quanto piuttosto di servizi ai cittadini che spariscono del tutto. Siamo consci della situazione innescata dalla crisi economica che ha causato un calo delle domande, ma cosa è stato fatto da parte dell’Amministrazione comunale di fronte al crescendo di questo fenomeno? Ad oggi riscontriamo che il Comune non ha ritenuto importante intervenire con politiche attive a contrastare la riduzione della domanda determinata da difficoltà economiche”.

“Quali sono dunque le politiche che Sindaco e amministrazione intendono avviare per contrastare e risolvere questo problema, dato che all’orizzonte, voci di corridoio, preannunciano anche la chiusura del nido Triva? Noi, ma prima di tutto tanti cittadini modenesi, vorremmo che il sistema educativo scolastico modenese 0/6 anni (lo ricordiamo un caposaldo per il territorio ed un esempio a livello nazionale), avesse un futuro. Ed anche per questa ragione che domani ci siamo trovati davanti al nido Todi per manifestare il nostro disappunto di fronte a scelte che non condividiamo oggi e che non condivideremo mai”, conclude Per me Modena

Sit-it al nido "Todi" - Modena 30/06/2015

“Solo una cecità, che è difficile non considerare voluta, può attribuire la chiusura del nido Todi alla mancanza di iscrizioni senza fare alcuno sforzo per comprenderne i motivi – aggiunge in una nota Judith Pinnock, Segretaria Prc Federazione di Modena - Basta paragonare le rette dei nidi ai contratti medi offerti alle donne per comprendere che gli asili nido già da tempo non sono più accessibili per la gran parte delle lavoratrici e dei lavoratori. Non ci stupiremo se, alla luce delle proteste per questa decisione, verrà calata dall’alto la taumaturgica soluzione di una gestione privata, magari cooperativa”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude l'asilo nido Todi, proteste e sit-in a sinistra

ModenaToday è in caricamento