Complesso San Paolo, parte il recupero della chiesa e della sala delle monache

Nei prossimi giorni la gara per l’intervento di restauro e consolidamento da 1 milione 270 mila euro. Spazi restituiti alla città: torneranno a ospitare attività espositive

Prende il via il percorso per restituire alla città due ulteriori spazi del complesso San Paolo a Modena: la Sala delle monache (ex Oratorio) e l’ex Chiesa che si affaccia in via Selmi. Due luoghi particolarmente suggestivi che dopo un intervento di restauro potranno tornare a ospitare attività espositive ed eventi.

La Giunta comunale ha dato, infatti, il via libera al progetto esecutivo per i lavori di ripristino e rafforzamento e consolidamento sismico dei due spazi, che vanno a completare il corposo intervento già realizzato grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, nell’ex complesso conventuale situato tra via Selmi e via Caselle. A illustrare il nuovo intervento al San Paolo sono stati il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, l’assessore ai Lavori pubblici Gabriele Giacobazzi e l’assessore alla Cultura Giampietro Cavazza, nel corso di un sopralluogo nel complesso che si è svolto oggi, venerdì 15 dicembre. Nei prossimi giorni verrà pubblicata la gara per appaltare i lavori, che prenderanno avvio la prossima estate e avranno una durata di circa dieci mesi (conclusione prevista a primavera 2019).

L’intervento ha un costo complessivo di 1 milione 270 mila euro, 770 mila euro da finanziamento regionale per interventi di recupero post sisma e il resto da risorse del Comune con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Sono previsti interventi anche nell’area destinata a ristoro nell’ala ovest dell’ex Convento già oggetto di recupero che renderanno più attrattiva la gestione dello spazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento del sisma del maggio 2012, i lavori di recupero del complesso erano in corso di esecuzione: in alcune zone erano in corso, in altre non erano ancora iniziati e in altre ancora erano già stati realizzati i consolidamenti. In particolare, nella ex Chiesa e nella Sala delle monache i lavori sono stati sospesi a seguito del sisma ed è stato presentato alla Regione Emilia-Romagna un progetto specifico che ha ottenuto sia l’autorizzazione della Sovrintendenza sia l’attestazione di congruità della spesa. I lavori oggetto del finanziamento dalla Regione sono strettamente legati ai danni accertati a seguito degli eventi sismici del maggio 2012 e prevedono interventi finalizzati al rafforzamento e al consolidamento strutturale nonché interventi di finitura parziali direttamente connessi agli stessi mentre non comprendono il completamento dei restauri, delle finiture e degli impianti, non connessi ai danni sismici, interventi che saranno invece finanziati dal Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Contagio, 5 casi nei comuni di Formigine, Castelnuovo e Modena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento