rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Politica

Profughi-volontari, regole comuni dopo lo scandalo della Festa Pd

Ai primi di settembre la firma di un protocollo condiviso a livello regionale, che definisce cosa possono e non possono fare i rifugiati ospiti delle cooperative sociali. L'Assessore Gualmini: "Un patto di convivenza civile con i nostri cittadini"

La Giunta regionale ha definito un protocollo d’intesa sulle attività di volontariato che i richiedenti asilo possono svolgere nelle comunità dell’Emilia-Romagna. Il documento, che verrà sottoscritto e presentato ufficialmente ai primi di settembre, è stato preparato insieme ai Comuni, ai Prefetti e alle forze sociali più rappresentative, sindacati e Terzo settore. 

Una mossa che arriva dopo il discutibile impiego di alcuni profughi ospitati a Reggio Emilia come volontari nella festa provinciale del Partito Democratico, che ha inevitabilmente sollevato polemiche fino a far cessare l'impiego degli stranieri nell'allestimento degli stand. Già da mesi i richiedenti asilo sono impiegati per mansioni di pubblica utilità nei comuni modenesi, ma ora verrà dato un quadro comune alle attività consentite.

“Abbiamo giocato di anticipo e ora i Comuni sono pronti a partire in una logica di reciprocità e di positiva convivenza civile – commenta l’assessore al Welfare e vicepresidente della Regione, Elisabetta Gualmini - Avevamo ben chiaro che nel periodo in cui i migranti aspettano la conclusione dell'iter di rilascio dei permessi è opportuno e persino consigliabile predisporre iniziative di integrazione sociale e di effettivo inserimento nelle comunità di cittadini emiliano-romagnoli, che si trovano a convivere da un giorno all'altro con le persone che sbarcano sulle nostre coste”.

Le linee guida della Regione si basano su alcuni punti molto chiari: primo, l'attività di volontariato è legata a obiettivi di pubblica utilità (pulizia strade e sentieri, cura di parchi e giardini pubblici, etc.) a favore dell'intera comunità dei diversi territori; secondo, non è prevista nessuna forma di lavoro retribuito che non sia legalmente realizzabile in assenza dei permessi di soggiorno; terzo, reciprocità e scambio di esperienze  per promuovere un’integrazione efficace e quanto più possibile priva di tensioni.

“Abbiamo detto più volte che noi non rinunciamo ad accogliere e che non sbattiamo le porte in faccia a chi rischia di morire nei nostri mari – continua l’assessore Gualmini - Sia chiaro che la vita umana ha lo stesso valore indipendentemente da dove si nasce. Questo non vuol dire accogliere tutti ma mettere in piedi con senso di responsabilità e spirito pragmatico un sistema di accoglienza serio, quanto più possibile privo di ricadute insostenibili per sindaci e cittadini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi-volontari, regole comuni dopo lo scandalo della Festa Pd

ModenaToday è in caricamento