rotate-mobile
Politica

Direzione Pd, “Primarie aperte per la scelta dei candidati sindaci”

La bozza del regolamento delle primarie per la scelta dei candidati sindaci, la costruzione delle proposte programmatiche, la definizione di un ruolo politico per le zone Pd: sono questi alcuni degli argomenti affrontati nel corso della riunione di insediamento della Direzione provinciale del Partito democratico, tenutasi, nella serata di venerdì 20 dicembre

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

“La partecipazione e la rappresentanza dei territori: sono questi i due principi cardine su cui si svilupperà l’azione politica immediata del Partito democratico – ha ribadito il segretario provinciale del Pd Lucia Bursi in apertura della seduta di insediamento della Direzione provinciale del Pd – Dopo il grande successo di partecipazione delle Primarie dell’8 dicembre non vi è dubbio che le primarie si confermano strumento principe nella scelta dei gruppi dirigenti del Pd e dei candidati alle cariche elettive: anche i candidati alle amministrative della primavera prossima verranno scelti con queste modalità”. La proposta messa a punto dal gruppo di lavoro interno e portata alla discussione della Direzione delinea il quadro generale delle regole per le primarie.

Si tratterà di primarie di coalizione – in tutti i Comuni dove naturalmente questo sarà possibile – e saranno estese a tutti i Comuni dove ci sarà più di un candidato. Saranno primarie aperte, perché la partecipazione sia più ampia possibile. Il Pd dell’Emilia-Romagna, tenuto conto anche della tornata congressuale regionale del partito che potrebbe tenersi ai primi di febbraio, propone di istituire una sorta di “election day”, ovvero tenere tutte le primarie nella stessa data, con buona probabilità il 23 febbraio prossimo o il 2 marzo. Il gruppo di lavoro composto da Luca Sabattini, Giovanni Manzini, Giuliano Barbolini, Leonardo Pastore, Mariangela Bastico e Luciana Serri perfezionerà, in tempi brevi, gli aspetti ancora non definiti della proposta di regolamento Pd. Dovrà poi essere portato al confronto con gli alleati della coalizione.

La Direzione ha, inoltre, approvato altri due documenti: uno che impegna la segreteria provinciale a costituire un gruppo di lavoro in grado di mettere a punto una proposta di definizione del ruolo politico delle Zone Pd, e conseguente modifica del regolamento interno; l’altro che impegna a proseguire il lavoro del Cantiere del programma 2014, in modo da definire i contenuti delle proposte politiche e programmatiche unitarie del Pd, da portare al confronto con le altre forze di centrosinistra e sulle quali si misurano anche le piattaforme dei candidati. La Direzione provinciale ha eletto, all’unanimità, come suo presidente Giovanni Taurasi, presidente dell’Assemblea provinciale del partito.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Direzione Pd, “Primarie aperte per la scelta dei candidati sindaci”

ModenaToday è in caricamento