Sisma, verso un dimezzamento dei comuni ancora ricompresi nel cratere

Oggi il Comitato con i sindaci riunito in videoconferenza. Accolti gli emendamenti da parte del Governo in base alle richieste che erano state messe a punto e condivise dalla Regione con i primi cittadini e le rappresentanze economiche. Allineate alcune scadenze e prorogato il termine di fine lavori per le imprese agricole

Si va verso una ulteriore riduzione del perimetro del cratere, l’area che comprende i comuni colpiti dal sisma. È, infatti, previsto un nuovo dimezzamento – oggi sono 30, rispetto ai 59 dopo le scosse del 2012 -, dopo il primo varato lo scorso anno. Segno che la ricostruzione privata è ormai alla fase finale, mentre si concentra soprattutto sui centri storici e il patrimonio storico e artistico lo sforzo di Regione e Comuni.

Già nelle prossime ore ci sarà un allineamento di diverse scadenze legate ai cantieri privati aperti (fine lavori e rendicontazione dei contributi), oltre a una proroga del termine per gli interventi delle imprese agricole: si stanno infatti ultimando le relative ordinanze che saranno firmate a ore dal commissario Stefano Bonaccini. Infine, un punto sul personale straordinario dei Comuni e sui mutui degli Enti locali.

Sono i temi principali trattati durante la riunione del Comitato istituzionale per il terremoto del 2012, costituito dai sindaci dei comuni colpiti, riunitosi oggi in videoconferenza con il presidente della Regione e Commissario delegato per la ricostruzione, Stefano Bonaccini, e del Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, Davide Baruffi.

"Ci rimane l'ultimo miglio da percorrere e vogliamo accelerare. Per questo– ha detto Bonaccini- dobbiamo chiudere ciò che resta ancora da fare per completare la ricostruzione privata e mettere a fuoco quel che serve soprattutto per la parte pubblica, segnatamente quella storica e monumentale, arrivando in pochi mesi a un nuovo dimezzamento del cratere. Questo ci permetterà proprio di concentrare dove necessario gli sforzi, le risorse e il personale straordinario per gli ultimi interventi. Inoltre, abbiamo necessità di ottenere il massimo dal Governo, soprattutto in vista della chiusura dello Stato di emergenza fissato per il prossimo 31 dicembre 2021, dimostrando la serietà e la coerenza che abbiamo avuto fino a oggi, grazie anche a uno straordinario gioco di squadra. E’ questo che ci consente di essere ascoltati perché credibili".

"Voglio ringraziare i tutti i sindaci, in particolare quelli che usciranno dal cratere- ha concluso il presidente della Regione- che comunque non saranno mai lasciati soli per ciò che servirà. Nei prossimi mesi dovremo affrontare, peraltro, il tema del futuro dell'Agenzia per la ricostruzione: ritengo non debba essere dismessa ma riconvertita, disegnandone insieme una nuova missione focalizzata per il territorio emiliano-romagnolo e la sua capacità di investimento. L’esperienza fatta, le conoscenze e le professionalità acquisite, le relazioni con i Comuni rappresentano un patrimonio che va valorizzato e messo a disposizione, anche al di fuori dell’area del cratere".

Le novità

Rilevanti le ricadute dovute alle norme di legge approvate o in via di approvazione che interessano i territori colpiti dal sisma del 2012. Con gli ultimi provvedimenti varati dal Governo, i cosiddetti decreti “Semplificazione” e “Agosto”, sono stati approvate, oltre alla proroga per gli interventi in agricoltura, la proroga del personale straordinario per la ricostruzione e il pagamento dello straordinario dei dipendenti degli Enti locali, l’impignorabilità delle risorse per la ricostruzione, le risorse aggiuntive per i maggiori oneri sui mutui privati e la proroga della sospensione dei mutui degli Enti locali.

A seguito dell’approvazione della norma primaria, è stato possibile predisporre l’ordinanza regionale del Commissario alla ricostruzione che dispone la proroga per la fine dei lavori degli interventi delle imprese agricole. Le nuove scadenze, sia per gli interventi gestiti tramite piattaforma informatica Mude (immobili produttivi o misti) che per quelli gestiti tramite piattaforma informatica Sfinge (interventi attività produttive) saranno differenziate in base allo stato di avanzamento degli interventi (secondo la data dell’Ordinanza) e sono state fissate al 31 marzo 2021 e 31 agosto 2021. Per Sfinge sono stati prorogati al 31 marzo 2021 anche i termini per la fine dei lavori delle altre tipologie di imprese.

Si è poi preso atto del sostanziale completamento del processo di concessione per gli edifici residenziali privati, demandando ai sindaci il perfezionamento degli iter autorizzativo delle poche, eventuali pratiche rimaste in sospeso.

Questioni aperte

Rimane però aperta l’interlocuzione con il Governo e i parlamentari del territorio. Sono di questi giorni i contatti e i confronti sulle norme ancora in sospeso, tra le principali una che permetta modalità di assunzione del personale straordinario, tale da garantire maggiore sicurezza e stabilità e chi presta la propria attività da tanti anni a servizio del Commissario e degli altri Enti coinvolti, oltre la proroga della sospensione Imu sugli immobili inagibili e lo stanziamento delle risorse necessarie per il funzionamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i temi importanti trattati in Comitato, anche la sospensione e rinegoziazione dei mutui degli Enti locali. Inoltre,è stato fatto il punto sullo stato di attuazione del Programma delle Opere Pubbliche e Beni Culturali e del bando per la rivitalizzazione dei centri storici, per il quale è già in corso l’esame delle pratiche per un volume di 7,5 milioni di euro; sempre per le attività commerciali e di servizio dei centri confermata la previsione di una nuova finestra, la quarta, nella prossima primavera, da 5 milioni di euro, cui potranno sommarsi le risorse derivanti da economie degli interventi precedenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

  • Coronavirus. 1.212 nuovi positivi e 14 decessi in regione. Modena prima provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento