rotate-mobile
Politica

Governance di Hera, Modena rinnova i patti parasociali e "blocca" altre azioni

Ok in Consiglio. Muzzarelli: “Piano industriale con oltre 4 miliardi di investimenti”. Il Comune “blocca” altre 150 mila azioni per consentire ad altri di venderle

Si è concretizzato oggi con il voto del Consiglio Comunale il rinnovo dei patti parasociali tra enti locali per il periodo 2024-2027 tra Hera e Comune di Modena. Un passaggio estremamente importante per regolare il presente e il futuro di una multiutility in cui l'equilibrio tra anima pubblica e privata è sicuramente delicato-

Hanno votato a favore della delibera, presentata con congruo anticipo rispetto alla scadenza di giugno per tenere conto della sospensione delle attività consiliari nei Comuni che andranno al voto, i gruppi di maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Europa Verde – Verdi e Modena civica), voto contrario per tutte le opposizioni (Movimento 5 stelle, Lega Modena, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Alternativa popolare, Gruppo indipendente per Modena, Modena sociale-Indipendenza!)

Presentando il provvedimento il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha sottolineato che i patti parasociali “hanno consentito alla proprietà pubblica dell’azienda di tutelare e valorizzare il patrimonio, di indirizzare le strategie aziendali a servizio del territorio, delle famiglie e delle imprese, in un’ottica di responsabilità sociale e sostenibilità dello sviluppo, nonché di distribuire utili ai cittadini tramite le risorse che entrano nei bilanci comunali”.

Il sindaco ha ricordato che il Piano industriale di Hera prevede investimenti complessivi per oltre 4,4 miliardi di euro nel triennio, con un’attenzione molto forte alla promozione dell’economia circolare, alla resilienza delle reti, all’innovazione e alla transizione energetica, a partire dal progetto dell’Hydrogen Valley da realizzare a Modena insieme a Snam, con la collaborazione Enea, di Unimore e di tanti altri soggetti del territorio.

Cosa prevede il patto, Modena "blocca" altre azioni

Il patto di sindacato di primo livello può garantire il controllo strategico pubblico della società “bloccando” il 38 per cento delle azioni di proprietà degli enti locali con un vincolo di intrasferibilità, una quota sufficiente ad assicurare la maggioranza dei diritti di voto grazie al cosiddetto voto maggiorato introdotto nello Statuto sociale nel 2015. Il patto regola anche il trasferimento delle azioni non soggetti al blocco, cioè le cosiddette azioni libere, per far sì che l’eventuale vendita sia effettuata in modo coordinato e quindi non incida negativamente sulle quotazioni del titolo azionario.

Al patto di primo livello fanno riferimento 111 enti locali (tra i quali anche le città di Bologna, Ferrara, Ravenna, Cesena, Trieste, Padova e Udine) che al momento detengono quasi il 46 per cento delle azioni (comprese quelle non bloccate), mentre viene rinnovato anche il cosiddetto patto di secondo livello che consente a 20 soggetti modenesi, tra Comuni e Unioni di Comuni, di mantenere una presenza organizzata e continuare a esprimere, tra l’altro, due rappresentanti nel cda dell’azienda, tra cui il vice presidente. Il gruppo dell’area di Modena possiede circa il 7,8 per cento di Hera spa con oltre 116 milioni di azioni, 93 milioni e 397 mila delle quali bloccate e non trasferibili.

La delibera approvata prevede di svincolare dal patto le azioni di alcuni Comuni che lo hanno richiesto, per consentirne l’eventuale vendita nel triennio, e sarà il Comune di Modena, come già avvenuto nel 2021, a bloccarne una quota maggiore, altre 150 mila (al valore attuale delle azioni si tratta di circa 440 mila euro), per continuare a garantire i 93 milioni dell’area di Modena previsti dal patto di primo livello. Il Comune possiede complessivamente 97 milioni di azioni e, con l’ulteriore vincolo, quelle bloccate saranno quasi 81 milioni. Le azioni che vengono sbloccate, invece, sono dei Comuni di Sestola (100 mila) e Montefiorino (50 mila).

“Modena non ha in programma la vendita di azioni –spiega il sindaco – ma ci sono Comuni che potrebbero valutare di farlo per sostenere gli investimenti o per altre esigenze, quindi, è giusto che il capoluogo ne blocchi alcune, mantenendo comunque un buon margine di azioni libere e garantendo che non cambia il peso del sistema Modena nel patto di sindacato”.

Il dibattito in Consiglio Comunale

Ad aprire il dibattito che ha portato all’approvazione della delibera per il rinnovo dei patti parasociali tra enti locali soci di Hera spa è stata Elisa Rossini, capogruppo di Fratelli d’Italia. La consigliera ha ribadito le perplessità già sollevate in occasione del precedente rinnovo, affermando che, possedendo azioni della multiutility, il Comune non è in grado di “valutare con sufficiente distacco la qualità dei servizi erogati”. Il Comune, inoltre, non dovrebbe bloccare azioni “ma mantenerle libere per poterle utilizzare a vantaggio dei cittadini”. La consigliera ha proseguito affermando che “l’incapacità dell’amministrazione di relazionarsi come soggetto terzo rispetto a Hera fa sì che il servizio erogato non si possa definire di alta qualità, come si può vedere dai risultati della raccolta differenziata. Questo – ha concluso – è l’effetto della tanto mitizzata governance”.

Convinto dell’utilità e dell’importanza di mantenere una governance locale (“anche a fronte di scenari in altri Paesi europei di aziende che coprono tutto il territorio nazionale”), Marco Forghieri (Pd) ha sottolineato che il blocco delle azioni consente a Comuni più piccoli e che ne hanno necessità di svincolare le proprie: “Ci facciamo carico delle loro esigenze in un atto di solidarietà territoriale”.  

Giovanni Silingardi (Movimento 5 stelle) si è concentrato sulla governance, domandandosi se viene realmente esercitata e “in cosa si materializza la governance pubblica di Hera: vedendo come va la campagna per la raccolta differenziata mi viene qualche dubbio sul fatto che questa governance esista davvero. Se non vogliamo riportare il servizio in house – ha concluso – dobbiamo fare una riflessione su come esercitare materialmente la governance”.

Per Lega Modena, Stefano Prampolini ha richiamato i “numerosi episodi, a partire dall’attuale raccolta dei rifiuti, che indicano una gestione fallimentare: nonostante la quantità di azioni che possiede, il Comune non riesce a garantire che Hera fornisca un servizio pubblico come si deve”.

In dichiarazione di voto, Marco Cugusi (Sinistra per Modena) ha affermato che “riacquistare azioni di Hera è fondamentale e strategico per mantenere la governance, anche se questo non esclude che si presentino problemi che vanno tenuti in considerazione”. Ricordando i risultati del referendum a favore dell’acqua pubblica, il consigliere si è augurato che in futuro “le società che erogano servizi fondamentali siano sempre di più in mano pubblica”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Governance di Hera, Modena rinnova i patti parasociali e "blocca" altre azioni

ModenaToday è in caricamento