menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Referendum sulla fusione dei Comuni: Lama dice sì, Montecreto non ci sta

Il voto consultivo vede Lama favorevole aall'unificazione, mentre a Montecreto vince il NO per uno scarto di 32 voti. Buona ma non elevatissima l'affluenza

Si è svolto ieri il referendum consultinvo in vista della fusione tra i comuni di Lama Mocogno e Montecreto: erano 3.164 i cittadini residenti con diritto di voto, 2.357 a Lama Mocogno e 807 a Montecreto, i quali erano chiamati a scegliere se istituire o meno un nuovo Comune. In più, come secondo questito, c'era in ballo la scelta del nome del futuro comune unificato (Lama Montecreto oppure Val Scoltenna).

Si votava come per un'elezione tradizionale e alle ore 23, quando si sono chiusi i seggi, si sono è regitrata un'affluenza pari a 1.269 votanti a Lama Mocogno (53,84%) e 550 a Montecreto (68,15%).

il risultato ha dato nel complesso parere favorevole alla fusione - guardando i voti assoluti - ma con chiari distinguo. Per il SI si sono espressi 750 cittadini di Lama Mocogno, pari al 59,76%, mentre 505 hanno votato NO (40,24%). Opposta invece la scelta di Montecreto, dove 254 residenti hanno votato SI (47,04%), mentre in 286 si sono espressi contro la fusione (52,96%).

Per quanto riguarda la scelta del nome del futuro ente locale, anche in questo caso i due comuni hanno votato in maniera differente. Con un certo "campanilismo" Lama Mocogno ha preferito la denominazione Lama Montecreto (67,45%), mentre dall'altra parte si è scelto il nome Val Scoltenna (54,60%).

Il referendum non aveva valore vincolante, ma era puramente colsultivo. Alla luce dei risultati pare tuttavia favorevole la via della fusione, caldeggiata dalle istituzioni cui spetteranno le prossime mosse.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ferrari, a maggio apre il ristorante Cavallino di Maranello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento