A Nonantola un presepe sulla nave "Mediterranea", ira social di Salvini

Matteo Salvini ha dedicato un proprio post social anche all'attività dei bambini della scuola secondaria Dante Alighieri di Nonantola, dove in questi giorni è arrivato a compimento il progetto “Presepi di Classe”. Da novembre, infatti, ogni classe ha avuto un suo spazio destinato al presepe, nel rispetto delle regole di sicurezza della scuola. L’attività si è svolta durante le ore di religione cattolica nelle classi Prime, Seconde e Terze.  Il tema scelto per l’edizione 2019 è stato quello legato all’accoglienza.

Ad attirare le attenzioni dello staff del leader leghista è stato un particolare presepe, dove la scena della Natività è stata collocata a bordo della nave Mediterranea, protagonista di attività di soccorso ai migranti in mare e per altro supportata da don Mattia Ferrari, viceparroco di Nonantola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La nave dei centri sociali nel presepe di una scuola di Nonantola (Modena). Non ho parole, l’ottusità di certa sinistra non rispetta niente e nessuno. Giù le mani dal Natale!“, è stato il commento di Salvini, che ha rinfocolato così la battaglia per il presepe "tradizionale" che ha avuto reverberi da più parti nella comunicazione politica del centrodestra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • L'ex Commissario Venturi si ricrede: "Il lockdown totale è stato un errore"

  • Cosa fare a Modena e provincia: 10 idee per il weekend

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento