Politica

Sanità Modena. Costi: "Riattivare a Mirandola il reparto di cardiologia"

La consigliera spiega che il reparto era stato spostato su Carpi nella fase di massima emergenza per il Covid

“A distanza di un anno, pur avendo vaccinato tutto il personale sanitario, non è ancora stato definito in modo puntuale il rientro della cardiologia nell’ospedale modenese di Mirandola”.

A rilevarlo è Palma Costi del Partito democratico, che, con un’interrogazione, chiede al governo regionale di “attivarsi con Ausl di Modena affinché siano stabiliti tempi e modi di rientro, con spazi dedicati, posti letto e personale al fine di garantire la piena funzionalità del reparto”. La consigliera chiede anche allo stesso esecutivo “se non ritenga opportuna l’individuazione di un primario per la cardiologia di Mirandola (posizione attualmente scoperta)”.

I presidi ospedalieri periferici, spiega Costi, “svolgono un ruolo fondamentale nell’organizzazione a rete e per l’ospedale di Mirandola, in particolare è da tempo previsto un consistente piano di rafforzamento da parte dell’Ausl, già concordato con gli enti territoriali e in fase di attuazione”.

Nel periodo di massima emergenza per il Covid, aggiunge, “si sono operate scelte organizzative quali lo spostamento temporaneo del reparto di cardiologia dell’ospedale di Mirandola sull’ospedale di Carpi, anche in forza del primariato a scavalco tra i due reparti, ad oggi superato a seguito delle dimissioni del primario sulla sede mirandolese”. A distanza di quasi un anno, sottolinea la consigliera del Pd, “la mancanza del reparto di cardiologia a Mirandola sta creando situazioni di difficoltà”. Il rientro del reparto, conclude, “è stato più volte confermato sia dall’Ausl che dallo stesso assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità Modena. Costi: "Riattivare a Mirandola il reparto di cardiologia"

ModenaToday è in caricamento